comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:47 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 01 dicembre 2020
corriere tv
Covid, Crisanti: «Si parla di sci con 600 morti al giorno. Non siamo un Paese normale»

Cronaca giovedì 29 ottobre 2020 ore 13:42

E' morto il professor Marcello Buiatti

Marcello Buiatti ( foto facebook )

Buiatti era ordinario di genetica all'Università di Firenze. Aveva studiato scienze agrarie a Pisa dove molti lo ricordano per il suo impegno politico



PISA — Il professor Marcello Buiatti è scomparso all'età di 83 anni .Era nato a Firenze e venne a Pisa per gli studi universitari dove si laureò in Scienze agrarie. Professore ordinario all'Università di Firenze per un trentennio, è stato uno dei più importanti genetisti della seconda metà del '900.E' stato impegnato con ruoli di grande responsabilità nella politica e nell'associazionismo ambientalista. Da sempre antifascista, attualmente era membro del Comitato provinciale e Presidente della Sezione ANPI di Pisa. Nel 2008 fu tra i promotori del Manifesto degli Scienziati antirazzisti. "La sua scomparsa lascia in noi tutti dolore e tristezza", ha detto Bruno Possenti, presidente provinciale dell'Anpi di Pisa

"La scomparsa di Marcello Buiatti lascia un grande vuoto in tanti iscritti, simpatizzanti ed elettori del PD che hanno avuto occasione di incontrarlo nel corso degli anni come scienziato e docente universitario, come amico e compagno di tante battaglie politiche, come sindacalista impegnato nella costruzione di una conoscenza libera e aperta. Marcello era cresciuto in una famiglia in cui – il padre professore antifascista e membro del CLN fiorentino e la madre ebrea polacca – la libertà e la uguaglianza erano considerati valori indiscussi", è il ricordo dell'Unione Comunale del Pd di Pisa.

“Ci è giunta la triste notizia della scomparsa di Marcello Buiatti, docente universitario a Firenze e a Pisa, genetista di fama mondiale, un caro compagno.”

Cosi Sinistra Italiana ricorda lo scienziato e il militante scomparso a 83 anni.

“Marcello Buiatti ha concepito e praticato la scienza – prosegue Sinistra Italiana - come un impegno radicale per indagare la vita umana nelle sue diverse forme e renderla migliore. Studioso tra i maggiori del suo tempo, e tra i primi in Italia, delle biotecnologie, ha unito ricerca e insegnamento con l’esercizio costante del pensiero critico e il dialogo reciproco tra saperi differenti. Di fronte al dilagare della cultura neoliberista con le sue pratiche politiche che umiliano e offendono le vite umane, Marcello ci ha indicato, col suo ragionare calmo, la necessità di elaborare un progetto, una controffensiva, teorica e politica. “

“Ha attraversato il suo tempo, dall’infanzia trascorsa nei sottoscala dei palazzi di Firenze per sfuggire ai rastrellamenti contro gli ebrei durante la guerra, fino all’apice della sua carriera accademica, - conclude Sinistra Italiana - sempre dalla stessa parte. Un esempio, per il futuro da pensare, da costruire e di cui proprio oggi avremmo tanto bisogno.”

"Con Buiatti la Toscana perde non solo uno scienziato di valore internazionale ma anche un uomo che non ha mai disgiunto l'impegno accademico e scientifico da quello politico e civile. Un impegno che, in più occasioni, si è incontrato con le iniziative della Regione sia sul fronte ambientale che su quello dello sviluppo sostenibile, del paesaggio e della qualità della vita in Toscana". Così il presidente della Regione Eugenio Giani ha espresso il suo cordoglio e quello della giunta toscana per la morte di Marcello Buiatti che si è spento oggi all'età di 83 anni.

Il presidente ricorda come Buiatti, cresciuto in una famiglia antifascista e colpito da persecuzioni ai tempi delle leggi razziali, abbia continuato per tutta la vita ad essere testimone, andando di persona nelle scuole, adoperandosi per trasmettere i valori della Resistenza, della libertà e dell'uguaglianza alle giovani generazioni. "Anche in questa veste e in molte occasioni Buiatti aveva partecipato alle manifestazioni organizzate dalla Regione in occasione della Giornata della memoria per ricordare l'Olocausto e studiarne le conseguenze e le cause profonde, portando il suo contributo personale e di studioso".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità