Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:FIRENZE21°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il ponte della vergogna: flop della logistica americana
Gaza, il ponte della vergogna: flop della logistica americana

Attualità lunedì 13 marzo 2023 ore 18:45

I nodi del Piano Operativo, dallo stadio alla moschea

In Consiglio comunale il Piano Operativo che contiene le scelte strategiche per lo sviluppo urbano, dalle trasformazioni edilizie alle infrastrutture



FIRENZE — Il piano che delinea la ‘Svolta urbana: zero alberghi, lotta alla rendita e servizi a 15 minuti a piedi, per una Firenze giusta e prossima attraverso innovazione pubblica e privata’ ha visto il via libera del Consiglio comunale alla delibera presentata dall'assessora all’Urbanistica Cecilia Del Re. 

“Ringrazio il consiglio comunale per l’adozione del Piano operativo - ha detto il sindaco Dario Nardella -, primo atto che ci porterà nei prossimi mesi a portare nello stesso consiglio la definitiva approvazione. Ringrazio altresì l’assessore Del Re e tutta la giunta nonché gli uffici tecnici per il lavoro che ha portato a questo risultato. Il Piano operativo rientra tra i principali atti amministrativi che danno forma all’azione di governo dell’ente permettendoci così di offrire ai cittadini e alle istituzioni pubbliche e private un quadro di regole certe e di lungo periodo. In questo modo possiamo proseguire la grande azione di rigenerazione urbana e di sviluppo urbano della città nel segno della sostenibilità e dell’attenzione al mondo del lavoro, ai più fragili, alle imprese virtuose e agli investimenti che fanno crescere la comunità”.

“Un piano innovativo che segna una svolta e si pone in discontinuità con i precedenti piani urbanistici, e non poteva che essere così in quanto si tratta del primo piano post pandemia - ha detto l’assessora Del Re -. Le riflessioni che abbiamo fatto insieme al Consiglio comunale, ai quartieri, alla città tutta, in questo drammatico momento che abbiamo vissuto si ritrovano nel piano operativo con delle scelte in controtendenza. No alla turistificazione della città grazie alla scelta più coraggiosa che facciamo, cioè il blocco verso il turistico ricettivo: siamo la prima città in tutta Italia a farlo, e in questo modo cerchiamo anche di attrarre altri investimenti in città, incentivando un mix di funzioni per il recupero di grandi contenitori. E poi sì alla città pubblica: dobbiamo mettere fine alla stagione della dismissione degli immobili che precedenti amministrazioni hanno attuato anche per necessità di bilancio. Oggi, grazie alle risorse europee, e anche grazie a un cambiamento rispetto agli oneri di urbanizzazione e monetizzazione inserito in questo piano operativo dove, in tema di housing sociale, abbiamo modificato una norma di 18 anni fa che non era poi mai stata toccata, aprendo all'acquisto di nuovi immobili per dare risposte soprattutto sul tema della casa e sul tema degli alloggi per studenti, altra grande emergenza a cui dobbiamo far fronte ovviamente insieme agli altri enti competenti, ovvero Regione Toscana, Azienda regionale per il diritto allo studio e Università di Firenze. Il pubblico deve fare il pubblico e quindi verso questi obiettivi devono essere indirizzate le nostre energie per costruire una città sempre più prossima a misura di cittadino. E ciò anche con il tema della mappatura dei rioni e quindi dei servizi a 15 minuti, che entra sempre in una logica di città post pandemia dentro i nuovi strumenti urbanistici così come entra per la prima volta la mappatura delle isole di calore: i cambiamenti climatici stanno e devono stare al centro della pianificazione urbanistica con scelte anche coraggiose come quella sul fotovoltaico che abbiamo compiuto anche discostandosi dal parere della Soprintendenza e con temi delicati ma centrali per una città inclusiva, quali quelli dell'urbanistica di genere per una città progettata secondo i bisogni di tutte e tutti. Infine il tema dell'accessibilità, con l'accordo di ricerca e le linee generali del Dida che entrano dentro al piano operativo e portano a un nuovo metodo dell'Amministrazione per lavorare su questo fronte”.

Ecco tutte le novità

I nuovi strumenti si articolano su 186 aree di trasformazione in cui le 135 schede di trasformazione pubblica doppiano quelle di trasformazione privata, 51, con 50 scelte di campo che segnano un netto aumento rispetto al passato. Si va dallo stop alla turistificazione con il blocco totale del cambio d’uso in turistico-ricettivo in zona A (a prescindere dalla dimensione della superficie dell’immobile e dalla destinazione d’uso originaria) alla proposta di blocco per le attività extra-ricettive nel regolamento Unesco, fino alle scelte per evitare le rendite di posizione come la penalità per chi non recupera in tempi rapidi immobili dismessi o abbandonati e l’eliminazione delle schede di decollo e atterraggio per semplificare i movimenti dei volumi. Ma anche incentivi per favorire un mix di funzioni per grandi immobili (superiori ai 2mila mq) con l’interscambiabilità delle funzioni residenziale, direzionale e servizi per immobili e misure per introdurre e sostenere iniziative di rigenerazione partecipata con l’ampliamento del ricorso all’uso temporaneo degli spazi, all’urbanistica tattica e alla co-progettazione come elemento di rigenerazione urbana partecipata, a partire da una co-progettazione per Quartiere: ex Camping Michelangelo e Carra nel Q1, San Salvi nel Q2, La Riottosa nel Q3, ex Campolmi nel Q4 e Stibbert nel Q5

Il pacchetto per sostenere l’abitare e la popolazione che cambia con: oneri e monetizzazioni usati anche per l’acquisto di un nuovo patrimonio immobiliare da adibire ad housing sociale o co-housing e per ristrutturare il patrimonio abitativo Erp esistente; student housing e senior housing dentro il concetto di ‘housing sociale’; l’alloggio minimo resta 50 mq in centro storico mentre in zona A viene introdotto il nuovo criterio della superficie edilizia media (50-55-60) per limitare il numero di frazionamenti, dando al contempo maggiore flessibilità nell’uso dello spazio. Inoltre, nelle convenzioni con il privato viene previsto un abbattimento degli oneri a fronte dell’inserimento di un divieto almeno decennale di utilizzare gli alloggi per affitti turistici brevi e attività extra ricettive; per i nuovi studentati privati, il 20% delle camere sarà destinato agli studenti bisognosi dell’Università di Firenze che saranno gestite direttamente dall’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario, mentre la possibilità di aprirsi al turistico-ricettivo per queste strutture viene limitata da 90 a 60 giorni all’anno e nei soli mesi di luglio e agosto.

Per diversificare e riattivare il tessuto economico e produttivo, il Poc introduce il blocco delle medie strutture di vendita di tipo alimentare (superiori a mille mq) in zona A per supportare il commercio di prossimità; il divieto del cambio d’uso dei fondi commerciali al piano terreno per essere trasformati in residenze o adibiti ad altre destinazioni; l’azzeramento degli oneri di urbanizzazione per attrarre nuove imprese e la possibilità per le esistenti di ampliarsi fino al 25%, unica deroga ai volumi zero; la previsione di un Polo logistico a servizio delle imprese del territorio e dei suoi lavoratori; la valorizzazione dei centri commerciali naturali; l’inserimento di misure di sostegno alle aziende agricole nello svolgimento della loro attività con la possibilità anche di fare agricamping; l’individuazione di aree per camperisti agli ingressi della città.

Il capitolo ‘Cultura ovunque’ prevede la creazione di un nuovo attrattore culturale per Quartiere, fuori dal centro storico (ex Ogr e Manifattura Tabacchi con il polo dell’arte contemporanea; Stadio Nervi con il museo del calcio e dello sport; Memoriale di Auschwitz come partenza del Museo diffuso della Resistenza; Museo dell’acqua e dei cambiamenti climatici al Parco Florentia; Museo del Futuro e delle nuove tecnologie in viale Guidoni); ma anche una nuova classificazione del patrimonio edilizio esistente, più puntuale e dettagliata, in ottica di tutela e valorizzazione, così come richiesto dalla consulta delle professioni; la tutela per cinema, teatri, librerie e attività storiche e il recepimento delle novità del nuovo Piano di gestione Unesco con ampliamento dell’area Unesco, buffer zone e con l’introduzione della Valutazione di impatto sul patrimonio per le trasformazioni urbanistiche

Per la ‘Città 15 minuti’ si inserisce la mappatura della città in rioni per verificare la distanza a 15 minuti a piedi dei servizi essenziali e il conseguente impiego degli oneri di urbanizzazione (e non solo) per coprire in sede di pianificazione e realizzazione delle nuove opere le eventuali carenze, mentre gli oneri di compensazione potranno essere utilizzati anche per realizzare opere in altri quartieri, quindi non necessariamente nelle vicinanze dell’intervento. Via libera anche alle facilitazioni per le sedi del Terzo settore (ambulatori diagnostici, etc), associazioni sportive dilettantistiche e luoghi di culto. In tema di accessibilità e urbanistica di genere, il piano prevede l’inserimento delle linee guida dell’accessibilità per la progettazione architettonica e dello spazio pubblico redatte dall’Unifi, propedeutiche all’adozione del Piano di settore (Peba) e l’inserimento del concetto e della visione dell’urbanistica di genere: l’impiego degli oneri di urbanizzazione dovrà tenere in considerazione questo tema declinato nelle varie accezioni (sicurezza, servizi, mobilità, etc). Per ‘Arno spazio vivo’ viene inserita una visione d’insieme del fiume, funzionale alla sua valorizzazione: spazi di relazione, percorsi ciclo-pedonali (ciclabile Greve-Ema), produzione di energia pulita, uso del fiume per finalità sportiva o di trasporto pubblico o legata alle tradizioni storiche popolari e non a scopo di intrattenimento turistico. Ampio lo spazio dedicato ai temi ambientali, della mitigazione climatica e della transizione energetica possibile e giusta con l’avvio del primo Piano del verde e degli spazi pubblici aperti della Città di Firenze (coordinato a Ps e Poc); l’aumento degli spazi di verde pubblico su scale diverse: oltre al nuovo Parco Florentia e all’ex Camping Michelangelo, 33 nuove schede di verde pubblico, insieme a nuovi orti urbani, pocket garden e verde di quartiere; l’incentivo alla depavimentazione, alla copertura arborea dei parcheggi (un posto auto ogni 50 mq anziché ogni 25 mq) e alle aree di sosta naturalistiche; valorizzazione delle greenways cittadine; tutela della biodiversità e del mondo animale, a partire dal sostegno all’apicoltura (piante nettarifere, etc), alla tutela di rondini e rondoni, e a nuove aree cani. Viene inoltre pianificato un Ecocentro per quartiere, parte del piano di raccolta dei rifiuti ‘Firenze città circolare’, oltre all’attivazione del nuovo impianto per smaltimento Raee (rifiuti elettronici ed elettrici) a San Donnino. Si favorisce poi il ricorso alle energie rinnovabili grazie all’installazione di impianti fotovoltaici e pannelli solari (requisito fondamentale per la costituzione di comunità energetiche), con la variante urbanistica di prossima approvazione. In tema di mobilità sostenibile, dolce e intermodale per Firenze e per la Grande Firenze, il piano inserisce le nuove linee tramviarie, i parcheggi scambiatori (preferibilmente sotterranei) e i parcheggi diffusi in centro storico e nei Quartieri, ma anche Scudo verde, Bicipolitana, zone 30, bike boxes e spazi per ricovero mezzi di mobilità sostenibile, pedibus, mobilità elettrica e micrologistica, Smart City Control Room e infine un Piano strutturale unico (il prossimo) per la Grande Firenze.

I nuovi strumenti urbanistici prenderanno il posto del Regolamento urbanistico del 2015 e del Piano strutturale del 2010 e per la prima volta Piano strutturale e Piano operativo (questo ora il nome del Regolamento urbanistico) vengono adottati insieme. 

Dopo la fase di adozione, si apre ora il periodo di 80 giorni (che inizierà a decorrere dal momento della pubblicazione sul Burt, di cui verrà data notizia) per le osservazioni ai due piani, che saranno poi votate da giunta e Consiglio. A questo punto i piani saranno approvati ed entreranno in vigore. 

All’adozione si arriva a seguito della fase di ascolto e partecipazione (“Firenze Prossima” e “Firenze Respira”) svolte nel 2020 e 2021: per la prima volta, gli strumenti urbanistici sono stati avviati insieme al primo Piano del verde della città di Firenze. Sono 2mila le proposte arrivate dai percorsi di partecipazione e 330 quelle arrivate dall’avviso pubblico per raccogliere nuovi contributi al piano; mentre sono otto gli accordi di ricerca stipulati con l’Università di Firenze. Un nuovo percorso di informazione e comunicazione sarà attivato a partire dalla pubblicazione del piano per diffondere i contenuti dei nuovi strumenti urbanistici e stimolare la partecipazione e il deposito di contributi da parte della cittadinanza.

Cecilia Del Re

Le reazioni

I consiglieri del gruppo Fratelli d’Italia Alessandro Draghi e Jacopo Cellai “C’era una volta lo stadio alla Mercafir, no anzi, ci eravamo sbagliati: c’era una volta la trasformazione dello stadio Franchi. E invece no: nel piano operativo della giunta Nardella ecco la nuova priorità, il parco Florentia, definito dall’assessore Cecilia Del Re la scheda di trasformazione più importante. In sostanza, questa amministrazione ogni sei mesi fa partire un nuovo treno urbanistico, col risultato che nulla arriva a compimento. Il nostro voto contrario è ben motivato. Altro nodo critico: siamo passati dalla tangenziale di Winkler al passante urbano; dal tubone al tubino e oggi si arriva alla strada Fortezza-Panciatichi e pochi altri snodi e sottopassi che non permetteranno una gestione ordinata del traffico privato. C’è poi il tema, cruciale per la nostra città, dell’utilizzo di edifici pubblici per ospitare le attività artigianali che rappresentano la nostra identità. Su questo fronte siamo indietro, basti pensare al progetto per l’ex scuola sottufficiali dei Carabinieri in Santa Maria Novella, fermo al palo. Per non dire dell’assenza di infrastrutture che rendano possibile vivere il centro della città: parcheggi in primis. Tuttavia non abbiamo rinunciato ad avanzare le nostre proposte, contenute negli emendamenti presentati. No ad una senior house nella ex caserma Ferrucci in Santo Spirito, ma che l’immobile sia una parte a servizio della cittadinanza e di culto. No all'abbattimento delle villette erp in via Benedetto Dei. Aumentare gli stalli di sosta in via del Paradiso. No alle residenze dello spettacolo viaggiante nel campo agricolo tra Ugnano e Sollicciano (l’area compresa tra via Baccio da Montelupo, Via di Sollicciano e via di Ugnano). Non distruggiamo il giardino del Guarlone sud (via Nicola Ottokar/via della Chimera) con un parcheggio”.

Il capogruppo e segretario provinciale della Lega, Federico Bussolin e i consiglieri Luca Tani e Michela Monaco “Questa non è la città dei 15 minuti come racconta l’Amministrazione, è semmai l’odissea dei 50 minuti di chi, dalla Stazione, spera di arrivare a Careggi nell’ora di punta. Da sempre siamo attenti alle vicende quotidiane dei cittadini e non e, oltre al piano tecnico come è il Piano Operativo, rimangono sfide sulle quali chi governa la città ha già fallito. Non esiste tutela delle attività storiche quando, a pochi passi da Palazzo Vecchio, c’è Ponte Vecchio che protesta per la presenza di un rivenditore di borse che, volenti o nolenti, cancella la tradizione storica degli orafi presenti. Il PD poi conferma di non avere il coraggio delle proprie idee: la disastrosa gestione del tema moschea vede l’epilogo con una amministrazione imbarazzata nel segnalare dove sorgerà una eventuale nuovo luogo di culto. In barba ai disagi già vissuti dai cittadini e bottegai di Piazza dei Ciompi, per esempio. Si parla di verde pubblico e cambiamento climatico tanto per riempirci la bocca di parole, ma la (non) qualità la vediamo nella scarsa gestione dell’attuale patrimonio arboreo e l’ultimo episodio della scuola Vittorio Veneto ne è un esempio. Così come lo è il tema dello scudo verde: apprendiamo del dietrofront di Nardella che, da quella che era una tassa per chi entrava a Firenze, sta diventando una idea sempre più astratta e di improbabile realizzazione. Manca il coraggio soprattutto in tema di turismo: per la Lega è importante parlare di Uffizi 2 alle porte della città, così come parlare della tutela di chi, da privato, contribuisce a riqualificare il patrimonio immobiliare tramite gli affitti brevi. Attendiamo l’Amministrazione nella gestione di questo ennesimo libro dei sogni, certi del fatto che tra il dire e il fare, spesso, c’è l’immobilismo del PD causato dalle correnti interne: su questo la Lega sarà sempre alternativa”.

Antonella Bundu e Dmitrij Palagi - Sinistra Progetto Comune"Fermare il turismo non è possibile. Non lo si può neanche governare senza adeguati strumenti. Per una simile scelta l'urbanistica da sola può bastare? La risposta è no. Deve essere messo in discussione il modello di sviluppo nel suo insieme, altrimenti arriveranno solo commenti dispiaciuti su quanto avviene. Abbiamo apprezzato la propositività con cui l'Assessora oggi ha esposto la delibera, favorendo il confronto. Ma riteniamo che il risultato sia un tentativo di tenere in equilibrio visioni opposte, senza scelte radicali quanto necessarie. Sulla moschea dobbiamo assumerci un ruolo pubblico, non per favorire una confessione religiosa, ma perché è chiara l'esistenza di una questione sociale. Sugli immobili pubblici: ricordiamo come anni fa gli uffici ci avessero detto in Commissione che tutto quello che poteva essere venduto era stato venduto. Lo ricordano l'edificio della discoteca Flò, l'area ex OGR e Costa San Giorgio, per citare tre degli esempi più recenti. Sugli studentati: il tema, per noi, non è discriminare tra chi ha la cittadinanza italiana e chi no. Ma guardare a chi è in condizioni di fragilità, povertà, marginalità. I privati non hanno interesse a questo mercato, se non ricevono sovvenzioni, contributi o altri tipi di vantaggio. Sull'ex Manifattura Tabacchi: davvero un luogo inaccessibile sul piano abitativo, se non si ha una fascia di reddito elevatissima, è considerato un risultato positivo? Lo chiediamo visto che, anche negli incontri pubblici, la Proprietà si è "lamentata" dell'obbligo di dover fare Social Housing (solo per 12 anni, bene ricordarlo) e che, a domanda specifica, su quando partirà il progetto, ha risposto, serenamente, di volersi concentrare sugli appartamenti di lusso, in attesa di vedere calare i costi dei materiali edili. Tantissimo c'è da fare, inoltre, per l'urbanistica di genere e l'inclusione di chi non corrisponde agli "standard". Ma anche questo è un lavoro che riguarda il complesso delle azioni di governo. Vale anche per la mobilità. La scelta di investire solo sulla tramvia, spesso su progetti datati, è un disastro per chi sostiene la priorità del trasporto pubblico locale, rispetto al diritto all'auto privata. Non c'è un sistema integrato e le cantierizzazioni polarizzano il malcontento. Tre ultimi appunti. Sullo stadio andava riconosciuto che senza pandemia saremmo rimasti bloccati sulla Mercafir e la fretta sta portando a un uso di ingenti risorse pubbliche non adeguato. Sullo scudo verde e il rapporto con i comuni limitrofi c'è un problema di base per come è stato pensato. Sul legame tra carcere e città c'è da fare un lavoro vero, complessivo e di maggiore portata: troppe parole ci sono sembrate fin troppo familiari, già sentite.n Bene l'ampliamento dei giorni per le osservazioni da 60 a 80. Saremo al fianco di cittadinanza, comitati e chiunque voglia proporre una città pubblica, verde, accessibile, accogliente, in cui si difende chi non ha mezzi, contrastando chi ha troppo potere e troppe ricchezze. Dobbiamo fare di più, per la difesa dell'Arno, delle Cascine, per invertire l'espulsione di residenza, che secondo Palazzo Vecchio neppure sta avvenendo".

Il consigliere del gruppo Centro Emanuele Cocollini, vice presidente vicario del Consiglio comunale “La proprietà, secondo l’assessore all’urbanistica Del Re, e dunque immaginiamo anche per il sindaco Nardella, non è un diritto assoluto. Questa la premessa del nuovo piano operativo del Comune di Firenze. Una premessa che ci riporta indietro nella storia al XIX secolo, a Karl Marx per la precisione. Un piano che non riconosca l’inalienabile diritto alla proprietà non può certo essere il nostro. L’ansia pianificatoria della giunta Nardella si palesa, ad esempio, nella norma che vieta la ristrutturazione a un proprietario di un immobile a meno che non abbia un bagno ogni 30 metri quadri. La politica dei volumi zero, del resto, pone difficoltà insormontabili per realizzare nuovi immobili. Migliaia i vincoli che permangono o vengono addirittura rafforzati, con divieto di cambio di destinazione d’uso da commerciale a residenziale. Divieto di apertura di nuove attività turistico-ricettive e ancora la previsione di aumentare il numero di alberi in città quando è sotto gli occhi di tutti che non si è in grado di gestire quelli che già ci sono. E non manca, dulcis in fundo, la norma che consente l’indifferenza funzionale soltanto per i luoghi di culto e anche per quelle Onlus che comunque possono esercitare attività economiche equivalenti a quelle private, facendo così concorrenza sleale. Insomma, siamo di fronte ad un totale fallimento e come diceva il grande presidente Ronald Reagan: più i piani falliscono più i pianificatori pianificano”.

Il capogruppo del gruppo misto Andrea Asciuti “Sull’adozione del Piano Strutturale e Piano Operativo, che rinnoverà il volto della città, intravediamo degli aspetti positivi ma anche negativi su cui ci lavoreremo con delle osservazioni per migliorarlo. Anche se avevamo una visione differente per quanto riguarda i trasporti, poiché credevamo nella costruzione della metropolitana, non ci opponiamo alla costruzione delle linee tramviare 3 e 4 poiché  è un mezzo che passa con regolarità, invece conserviamo delle grosse perplessità sul passaggio in piazza San Marco. Accolgo in modo positivo i nuovi parcheggi in città, la ristrutturazione delle 800 case Erp, i nuovi studentati, anche se chiedo degli immobili a fitti agevolati anche per chi viene a lavorare con stipendi bassi in questa città, le 33 nuove aree verdi (anche se chiederò un approfondimento in Commissione per la permuta dei terreni a Ponte a Greve), la presenza di nuovi musei nei quartieri periferici, un piccolo luna park a tema storico proposto dal sottoscritto nel Lotto Zero ma chiediamo anche maggiori tutele per gli artigiani perché Firenze è una città nata con le botteghe, chiediamo maggiori incentivi economici per permettere a tali figure di rimanere nel centro storico e, soprattutto, maggior immobili all’interno della Caserma dei Lupi di Toscana, alla Manifattura dei Tabacchi ed all’ex Meccanicotessile. Ho grosse perplessità sullo scudo verde, pertanto chiedo di esonerare i residenti o chi viene a lavorare con i vecchi motori a diesel o a benzina oppure di andare incontro a questi lavoratori con dei seri incentivi economici.
Sulla questione del nuovo Stadio a Campo di Marte e le nuove infrastrutture ad esso legato chiedo un maggior confronto con i comitati attraverso le Commissioni. Chiedo anche maggior attenzione per il rifacimento delle fognature in questa città. Non sono d’accordo con una visione di limitare i Bed and Breakfast nel centro storico e sulla liberalizzazione dei centri di culto poiché bisogna far attenzione ad alcuni paesi come il Qatar e l’Arabia Saudita che possono finanziare le moschee”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno