Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella: «Il vaccino è un dovere morale e civico»

Attualità lunedì 28 maggio 2018 ore 15:44

Restauro con lo sponsor per la loggia del Bigallo

Si tratta dell'agenzia di pubblicità Real Media che si è aggiudicata la gara per il restauro degli storici edifici dell'Asp Firenze Montedomini



FIRENZE — Il Museo e la Loggia del Bigallo saranno ristrutturati grazie all’azienda fiorentina Real Media, sponsor tecnico dell’operazione. L’agenzia di pubblicità, che si occupa di maxi affissioni, si è aggiudicata la procedura ad evidenza pubblica per il restauro dell’immobile di proprietà dell’Asp Firenze Montedomini e sosterrà interamente i costi, poco più di 1 milione di euro, sfruttando in via esclusiva gli spazi pubblicitari su cantieri, ponteggi e recinzioni allestiti per l’esecuzione degli interventi. I lavori saranno effettuati da maestranze qualificate nominate da Real Media.

Il progetto di recupero dell’immobile situato in piazza San Giovanni è stato presentato oggi dall’assessore al welfare Sara Funaro, dal presidente dell’ASP Firenze Montedomini Luigi Paccosi e dall’amministratore delegato di Real Media srl Moreno Mascia.

“Tra Real Media e l’azienda dei servizi alla persona Montedomini è nata una collaborazione importante - ha detto l’assessore Funaro - che porterà al restauro della Loggia del Bigallo, uno dei monumenti situati nel cuore della nostra città con una storia importante anche dal punto di vista sociale, poiché è nato come l’orfanotrofio fiorentino”. “Questa collaborazione tra Real Media e Montedomini ha portato anche all’attivarsi di una forte sensibilità di Real Media per i nostri anziani - ha spiegato l’assessore -: è nata, infatti, anche una collaborazione per dare visibilità alla campagna del 5x1000 della Fondazione Montedomini, affinché sempre più cittadini possano avvicinarsi e sostenere le attività dell’azienda di servizi alla persona”. “Collaborazioni come questa - ha concluso l’assessore Funaro - sono esempi eccellenti in cui il recupero della bellezza culturale e la grande solidarietà del nostro territorio viaggiano insieme dando risposte importanti per la città e la sua comunità”.

“È un progetto innovativo come metodologia - ha detto il presidente dell’Asp Firenze Montedomini Paccosi - Montedomini non aveva mai usato una procedura simile, ma si deve stare al passo con i tempi e soprattutto si deve avere cura del patrimonio artistico e culturale che abbiamo il mandato di preservare il più possibile intatto dall’incuria del tempo”. “Siamo anche molto soddisfatti di avere intercettato lungo questo cammino un’azienda seria ed esperta nel settore come Real Media - ha continuato Paccosi -, nelle persone di Moreno Mascia e Francesco Posarelli che hanno anche fatto un bellissimo regalo a Montedomini, realizzando un bozzetto pubblicitario in favore del 5x1000 alla Fondazione onlus. Si è avviata così una collaborazione fattiva che speriamo ci conduca alla conclusione del lavoro nei tempi pattuiti, realizzando tutti gli aspetti del progetto, avendo cura di salvaguardare la bellezza della piazza e la sua estetica, esponendo esclusivamente immagini gradevoli e consone”. “Il tempo previsto per la realizzazione è di 30 mesi - ha concluso Paccosi -, durante i quali i ponteggi si sposteranno dal lato piazza San Giovanni, dove sono collocati attualmente dal lato via dei Calzaiuoli, per poi ritornare sull’angolo San Giovanni-Calzaiuoli”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'anziana signora ha chiamato la centrale operativa dicendosi sola in casa, così una pattuglia è andata a trovarla e hanno fatto merenda insieme
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità