Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:19 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Attualità mercoledì 16 dicembre 2020 ore 09:20

Premiate le tesi di 15 neo laureati

La Fondazione Turati ha assegnato le borse di studio alle tesi di giovani fisioterapisti, fisiatri e geriatri. Tre sono dell'università di Firenze



PISTOIA — ll comitato scientifico della Fondazione Turati ha assegnato 15 borse di studio ad altrettante tesi di laurea di giovani fisioterapisti, medici fisiatri e geriatri.

L’iniziativa, nata tre anni fa in memoria di Antonio Cariglia, fondatore della Fondazione Turati, quest'anno si è svolta con una cerimonia online. "Questa terza edizione è per noi particolarmente significativa – ha affermato il presidente Nicola Cariglia – innanzitutto perché il tempo che stiamo vivendo, la pandemia, ci sta mostrando quanto è stata felice l’intuizione del nostro Comitato scientifico di premiare lo studio, che tradotto nel lavoro quotidiano significa qualità: attraverso le nostre strutture, infatti, siamo testimoni del fatto che proprio la qualità rappresenta lo strumento più efficace per contrastare anche una malattia come il Covid-19. Questi premi sono per noi importanti inoltre perché dedicati al fondatore della Turati, che in più di 50 anni si è sviluppata creando sedi anche in Lazio e Puglia, estendendo recentemente il proprio interesse verso le persone fragili e svantaggiate ai temi del dopo di noi e dell’autismo. Il livello delle tesi pervenute, infine, è un segnale di speranza e ci rende ottimisti per il futuro".

Particolarmente elevato quest’anno il numero degli elaborati partecipanti: 35 di Fisioterapia, 15 di Fisiatria e 2 di Geriatria, provenienti da scuole delle università di Firenze, Piemonte Orientale, Modena – Reggio Emilia, Bologna, Genova, Padova, Tor Vergata – Santa Lucia, La Sapienza, Politecnica delle Marche, Foggia e Catania. Sono stati valutati da una commissione giudicatrice composta dal professor Vincenzo Maria Saraceni, presidente del Comitato scientifico della Fondazione Turati, e dai professori, anch’essi membri di quest’ultimo, Andrea Santamato (Università di Foggia) e Giulio Masotti (Università di Firenze). 

"Tutte le tesi giunte presentano un’elevata qualità e un notevole rigore tanto nella ricerca quanto nell’esposizione – ha spiegato Saraceni – al punto che individuare i vincitori non è stato facile e che abbiamo chiesto alla Fondazione di portare da 10 a 15 il numero dei premiati. Tutto ciò dimostra che la riabilitazione sta facendo progressi tali nella ricerca da potersi qualificare oggi come scienza, e da potersi dunque definire quale sapere autonomo".

Quest’anno la cerimonia online ha visto intervenire, oltre agli autori degli elaborati in Fisioterapia, Geriatria, Medicina fisica e Riabilitazione, anche i direttori e i presidenti delle scuole di specializzazione e dei corsi di laurea presso i quali le tesi sono state discusse. Il video dell’evento è visibile sulla pagina Facebook e sul sito web della Fondazione Turati.

I premiati:

Per i corsi di laurea in Fisioterapia:

Alice Manzo, Università di Roma Tor Vergata- Fondazione Santa Lucia, Letizia Micca, università degli Studi del Piemonte Orientale, Sayed Mohammad Mirlohi, Università di Genova, Martina Mammola, Università di Catania, Nicla Mazzeo, Università degli Studi di Firenze, Iulia Gavrilita, Università degli Studi di Firenze, Francesca Maria Pia Venditti, Università di Foggia.

Per i corsi di specializzazione in Geriatria e Gereontologia:

Michele Saottini, università di Modena e Reggio Emilia, Irene Marozzi, università di Firenze

Per i corsi di specializzazione in Medicina fisica e Riabiliazione:

Chiara Rambelli, università di Padova, Cinzia Bonanni, università di Roma Tor Vergata, Elena Magelli, università di Bologna, Lorenzo Latini, università delle Marche, Antonella Vertuccio, università di Roma La Sapienza, Christian Avvantaggiato, università di Foggia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio è avvenuto ai giardini della Fortezza da Basso. A finire denunciato un giovane di 23 anni che è stato sedato e trasportato in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità