Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 17 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Addio a Piero Angela, il figlio Alberto: «È stato come vivere con Leonardo da Vinci»

Attualità giovedì 02 luglio 2015 ore 13:37

M5S in Regione: "L'inceneritore è inutile"

I consiglieri pentassellati al fianco dei comitati in lotta contro il termovalorizzatore di Case Passerini. Ercolini: "Meglio un piano a rifiuti zero"



FIRENZE — Per rendere sostenibile e conveniente la realizzazione dell'inceneritore di Case Passerini sarà necessario far arrivare i rifiuti da fuori della Toscana per bruciarli a Sesto. E' questo, in estrema sintesi, il punto attorno a cui ruota la critica dei consiglieri regionali del Movimento 5 stelle nei confronti della costruzione del nuovo impianto.

Una posizione resa nota dal capogruppo in Regione Giacomo Giannarelli, arrivato a Palazzo Panciatichi per la conferenza stampa insieme a Rossano Ercolini, ambientalista e presidente del centro ricerca Zero Waste di Capannori. 

"Noi abbiamo bisogno che la politica ascolti di più la scienza e meno il conflitto di interessi - ha detto Giannarelli -. Noi come Movimento 5 Stelle oggi abbiamo chiamato Rossano Ercolini, che è un premio nobel per l'ambiente, è una persona terza rispetto al Movimento, però è un esperto riconosciuto e che darà dei dati per smantellare questa impiantistica e per promuovere la strategia dei rifiuti zero, che sta in piedi anche economicamente".

"L'inceneritore - ha spiegato Giannarelli - dovrebbe bruciare 50 mila tonnellate in più per rispettare i requisiti europei sulla produzione di calore. Quindi, ci chiediamo questi rifiuti da dove dovrebbero venire secondo il piano regionale. Probabilmente arriveranno da fuori regione".

A dare i dati, poi ci ha pensato Ercolini: le città toscane dovranno inviare 200mila tonnellate di rifiuti per far funzionare a regime Case Passerini, ma questi rifiuti non ci sono in Toscana. Meglio dunque perseguire un'altra strada. "Se lavoriamo sulle buone pratiche - ha detto l'ambientalista insignito da Barack Obama nel 2013 del Goldman Environmental Prize - avremo opportunità di lavoro, perchè il porta a porta e le isole ecologiche di prossimità creano 10 volte in più posti di lavoro". Come dimostra, secondo Ercolini il caso dell'Empolese Valdelsa: "La raccolta differenziata supera l'85%, 220 mila abitanti serviti con 170 nuovi posti di lavoro. Questa e' la nuova frontiera - ha detto Ercolini -, la nuova economia. La Toscana deve decidere se salire sulla locomotiva, che va verso il futuro o se rimanere nell'ultimo vagone che porta nella direzione opposta"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I temporali si sono abbattuti ieri sera per 3 ore su Firenze, Bagno a Ripoli, il Chianti fiorentino. Ema esondato, bloccato un impianto di Publiacqua
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità