comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 10°14° 
Domani 10°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 07 aprile 2020
corriere tv
Coronavirus, in Calabria celebrata la messa con i fedeli nonostante i divieti

Attualità sabato 06 gennaio 2018 ore 18:25

Epifania, la tradizione della cavalcata dei Magi

Si è svolta a Firenze la XXII edizione della Cavalcata dei Magi. Organizzata dall’Opera di Santa Maria del Fiore per celebrare l’Epifania



FIRENZE — La manifestazione si rifà a un’antica tradizione fiorentina del XV secolo, quando a Firenze una compagnia di laici intitolata ai Santi Re Magi, di cui fecero parte i maggiori componenti della famiglia dei Medici, organizzava un fastoso corteo, la “Festa de’ Magi”.

Dal 1997, in occasione dei festeggiamenti per i 700 anni della fondazione della Cattedrale, l'Opera di Santa Maria del Fiore ha voluto riprendere quest’antica tradizione organizzando, ogni anno, un solenne corteo di figuranti con in testa i Re Magi a cavallo, in sontuosi abiti di seta ispirati a quelli dell’affresco di Benozzo Gozzoli, che attraversa il centro di Firenze. 

Dopo la partenza da Piazza Pitti, il corteo ha percorso le strade del centro fino ad arrivare in piazza Duomo.

Qui il Piccolo Coro Melograno ha intrattenuto il pubblico con canti natalizi. 

Dopo l’arrivo di tutto il corteo in Piazza Duomo, il saluto dei figuranti e l’offerta dei doni dei Re Magi a Gesù Bambino nel Presepe vivente.

Alla presenza del sindaco di Firenze, Dario Nardella, l'intervento di Luca Bagnoli, presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, a cui è seguita la lettura del brano del Vangelo dei Magi (Matteo 2,1-12) e il saluto dell’arcivescovo cardinale Giuseppe Betori che ha parlato del significato dell’Epifania: “I Magi sanno che deve nascere un re, il re dei Giudei. Secondo un ragionamento tutto umano dove vanno a cercare questo re? Nella capitale ovviamente. E dove vanno a cercarlo nella capitale? Nella reggia, nei luoghi dove abitano i re. Ma Gesù non è lì, Gesù non è nato a Gerusalemme nella grande capitale ma in un piccolo borgo, Betlemme, non è nato in una reggia ma in una grotta. E non abita in un grande palazzo ma in una casa qualsiasi. Questo è Gesù. Gesù non viene a noi con il potere ma con la fragilità, la povertà degli ultimi. Come per ogni Epifania, anche oggi sono andato a trovare i bambini malati all’ospedale Meyer e ho pensato che anch’io come i Magi andavo a trovare Gesù, perché Gesù sta in quelle sofferenze di quei bambini, nel dolore dei loro genitori. Ecco, se vogliamo anche noi incontrare Gesù andiamo a cercarlo là dove c’è sofferenza, povertà, miseria, dove c’è bisogno, lì il Signore ci aspetta, lì il Signore vuole incontrarci”.

La Cavalcata dei Magi si rifà alla “Festa de’ Magi” che veniva organizzata a Firenze ogni tre anni e dal 1447 ogni cinque. Il compito di organizzare la festa era affidato a una compagnia di laici detta dei Santi Re Magi o della Stella, la cui sede, per volere di Cosimo il Vecchio de’ Medici era presso il Convento di San Marco. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità