Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:10 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il «quasi» conclave nel ristorante di Roma con Orlando, Provenzano, Ronzulli, Tajani e Cesa

Cultura giovedì 10 maggio 2018 ore 17:24

Villa la Quiete apre le porte su Botticelli

Riaprono i battenti della villa a Castello che custodisce preziose pale d'altare cinquecentesche. In mostra per la prima volta lo stemma di Leone X



FIRENZE — Con la primavera ricominciano le visite alla villa La Quiete alle Montalve, sulla collina di Castello. Un vero scrigno di arte e bellezza che ospita capolavori come "L'Incoronazione della Vergine e Santi", opera di Sandro Botticelli e bottega e la "Madonna con Bambino e Santi" di Ridolfo del Ghirlandaio e Michele Tosini. Le visite alla villa riprenderanno dal 12 maggio. Il complesso monumentale, di proprietà della Regione Toscana, è gestito dal Sistema museale dell'Ateneo di Firenze. 

Per la prima volta, quest'anno, sarà mostrato lo stemma cinquecentesco di Papa Leone X in legno policromo. 

Tra le tappe delle visite guidate, la farmacia seicentesca, il giardino all'italiana, le sale affrescate da Benedetto Fortini ma anche la chiesa barocca in cui si trova il monumento commemorativo della granduchessa Vittoria della Rovere, una delle signore della famiglia Medici. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Terminata la realizzazione delle travi di fondazione con i pali posizionati in verticale, a seguire la realizzazione dell’armatura per i pilastri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità