Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Attualità venerdì 11 settembre 2020 ore 17:35

Un giardino sull'Arno al partigiano Silvano Sarti

Pillo che liberò Firenze non ha mai smesso di essere antifascista, è stato presidente onorario dell’Anpi, amatissimo dalle nuove generazioni



FIRENZE — Renitente alla leva repubblichina, catturato dai nazisti, deportato a Cassino e messo ai lavori forzati, riuscì a fuggire e si unì ai combattenti della Resistenza, il partigiano Silvano Sarti, ha oggi un giardino in sua memoria.

Pillo, il nome di battaglia nella Resistenza, era nato nel 1925 a Scandicci. Figlio di operai, era entrato in fabbrica a 15 anni, al calzaturificio Rangoni, dove aveva imparato la lotta sindacale e l’antifascismo. A diciotto anni, dentro la brigata Sinigaglia, liberò Firenze dai nazifascisti. Presidente per 8 anni e poi presidente onorario dell’Anpi, era il partigiano più conosciuto tra i giovani, sempre in prima fila alle celebrazioni dell’11 agosto e ai pranzi popolari della Liberazione in piazza Poggi. Nel secondo dopoguerra Silvano Sarti, militante comunista, si era dedicato alle lotte sindacali nelle file della Cgil.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità