Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 13 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson&Johnson, l'immunologa Viola: «Nessun trambusto. Nessun caso sugli over 60»

Attualità mercoledì 30 dicembre 2020 ore 14:08

Recupero di Sant'Orsola "Piano terra sia pubblico"

Santorsolaproject, dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze e Ordine degli Architetti hanno chiesto chiarimenti sull'uso della struttura



FIRENZE — Dopo l'approvazione da parte della Città Metropolitana dell'atto di concessione in uso, valorizzazione e gestione dell’ex Convento di Sant’Orsola al gruppo Artea fondato da Philippe Baudry, i promotori del Laboratorio San Lorenzo hanno espresso apprezzamento ma sull'esito della trattativa privata tra Città Metropolitana e Artea, ha sollevato due questioni.

Il coordinamento Santorsolaproject insieme ai rappresentanti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze e dell’Ordine degli Architetti, promotori del LSL, hanno richiamato l'attenzione delle istituzioni sulla fruibilità del piano terra del complesso e la definizione della scuola, che risulterebbe occupare circa un terzo dei volumi della struttura.

"Ribadiamo la necessità di assicurare la massima permeabilità del piano terra della struttura - ha detto il coordinatore operativo Emanuele Salerno -, rendendolo attraversabile da ogni lato, con una chiara destinazione d'uso delle 3 corti interne e degli ambienti che vi si affacciano. Per soddisfare le esigenze e le aspettative dei cittadini, così come i connotati di bene pubblico del Sant’Orsola, il progetto di recupero dovrà essere capace di far convivere spazi verdi d’uso pubblico, con spazi per attività culturali e ricreative, pubblici esercizi e attività di servizio. Decisivo sarà l'impegno, già espresso dai rappresentanti delle amministrazioni, di assicurare l'uso di locali al piano terra per le iniziative e attività culturali delle realtà associative del rione attraverso la stipula di una specifica convenzione tra proprietà pubblica e concessionario".

"In merito alla scuola di alta formazione - ha aggiunto Salerno - rimarchiamo l'esigenza di definirne l'offerta formativa con coerenza rispetto alla vocazione culturale e alla morfologia socio-economica dello storico rione mediceo di San Lorenzo, in cui hanno sede e attività numerose e importanti istituzioni di livello internazionale che operano nel campo delle scienze dei beni culturali, delle arti e della musica. Rispetto alle indiscrezioni giornalistiche sull’ipotesi di insediare una scuola di alta formazione per l'amministrazione del settore alberghiero di “lusso”, si richiama ed evidenzia la nostra proposta di fondare nel centro storico Unesco un polo scientifico di livello europeo dedicato alla formazione dei profili professionali necessari alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale delle città d’Europa. Così come avanzata dagli attori sociali coinvolti nel percorso partecipativo, e in particolare dai referenti di istituzioni culturali quali Accademia di belle arti, Conservatorio di musica Luigi Cherubini, Opificio delle pietre dure, Isia, Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo, e Dipartimento di Architettura dell'Università di Firenze, che si sono candidati a sviluppare la proposta attraverso il coinvolgimento dei competenti comparti dell’amministrazione centrale dello Stato".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A sorprendere il locale aperto nella notte è stata la polizia, che ne ha disposta la chiusura per 5 giorni. Scattata anche una multa per ubriachezza
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS