Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Attualità giovedì 10 giugno 2021 ore 15:00

Prima prova sui bus rapidi per Chianti e Piana

Il primo test sulla funzionalità dei nuovi mezzi nella tratta tra Rovezzano, Bagno a Ripoli, ospedale di Ponte a Niccheri e Greve in Chianti



FIRENZE — La Città Metropolitana di Firenze ha effettuato il primo test con l'obiettivo di dotarsi di un sistema di trasporto pubblico ecologico, elettrico e a zero emissioni, per la mobilità nei territori del Chianti e della Piana. 

Due linee di Bus rapid transit, gli autobus a transito rapido con corsia preferenziale dedicata e infrastrutturata, arricchiranno la rete rete di trasporto pubblico su gomma connettendo a Firenze le direttrici 'Greve - Firenze Rovezzano' e 'Osmannoro (Guidoni) -Poggibonsi' e alleggerendo la presenza sui bus attuali e quella privata su questi due corridoi.

“Insieme al sindaco Dario Nardella - ha detto il consigliere delegato alla Mobilità Francesco Casini - abbiamo fatto un primo test sulla funzionalità di questi mezzi nella tratta tra Rovezzano, Bagno a Ripoli, ospedale di Ponte a Niccheri e Greve in Chianti. Il progetto di fattibilità è pronto e sono in arrivo le risorse dal Ministero dell’Ambiente per la progettazione esecutiva e l’acquisto dei mezzi. Dunque, avanti così verso una mobilità sempre più sostenibile”.

La giornata test è stata organizzata mercoledì 9 giugno, grazie alla collaborazione di Iveco – Cnh Industrial , che ha messo a disposizione della Città Metropolitana di Firenze un Bus Iveco E-way di 12 metri per 2,5 di larghezza, totalmente elettrico dotato di batterie a ricarica notturna.

La progettazione di fattibilità tecnico economica delle due linee di Brt (Bus rapid transit) di collegamento tra il Chianti Fiorentino e la Piana Fiorentina sta proseguendo sulla base del cronoprogramma concordato dalla Città Metropolitana di Firenze con il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile.

Il test è stato reso possibile dalla disponibilità del gestore del trasporto pubblico urbano di Firenze, Ataf Gestioni S.r.l., che ha permesso al mezzo Iveco proveniente dallo stabilimento di produzione torinese, di sostare la notte tra martedì e mercoledì presso il deposito mezzi di viale dei Mille (Firenze), dove è avvenuta la ricarica notturna delle batterie che ha permesso il test svolto mercoledì, la mattina lungo l'asse Greve-Firenze e nel pomeriggio su Poggibonsi-Osmannoro.

“Si tratta di due linee - ha detto Nardella - le cui caratteristiche risultano originali anche per il settore, dal momento che non si trovano percorsi di Brt con uguale lunghezza in territori extra-urbani o con così elevati dislivelli da percorrere”. Per questo, di comune accordo tra l'ufficio trasporti della Città Metropolitana di Firenze e l'Ati di progettisti, con capogruppo Net-engineering, è stato ritenuto necessario svolgere un test sul campo per ottenere il più elevato numero di dati al riguardo, così da raffinare la progettazione.
Le amministrazioni che partecipano ai confronti finalizzati alla progettazione sono: Firenze, Bagno a Ripoli, Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano Val di Pesa, Barberino Tavarnelle, Scandicci, Sesto Fiorentino.

Greve – Rovezzano: presso la stazione ferroviaria di Rovezzano si punterà a consentire l'interscambio con il treno/tramvia, garantendo collegamenti all’interno del territorio fiorentino e del Valdarno Superiore. Nel Pums è prevista in quest’area la realizzazione del capolinea della futura linea tranviaria 3.2.2 'Libertà - Rovezzano'. Il tracciato del Brt intercetterà la futura linea tranviaria 3.2.1 'Libertà – Bagno a Ripoli', tenendo conto del futuro assetto dell’area di Viale Europa con l’inserimento della sede tranviaria e delle conseguenti ripercussioni sullo svincolo del viadotto Marco Polo.
La fermata Ponte a Ema, considerata la vicinanza all’uscita autostradale Firenze Sud costituirà un potenziale nodo di interscambio con l’autostrada A1, mentre la fermata Ponte a Niccheri permetterà di raggiungere l’ospedale Santa Maria Annunziata.

Osmannoro-Poggibonsi: la linea garantirà l’interscambio con la linea tranviaria esistente T1 'Villa Costanza - Careggi Ospedale' presso l’Hub di Villa Costanza, nel comune di Scandicci, favorendo l’ingresso in città dal versante Sud – Ovest. Il tracciato del Brt continuerà fino al futuro parcheggio autostradale dell’Osmannoro, che secondo le previsioni del Pums dovrebbe essere posto in un’area ad ovest dell’autostrada A1. Tra i possibili scenari da valutare da parte dei progettisti vi è l’ipotesi dell’estensione della linea fino alla fermata 'Guidoni' della linea T2 'Peretola Aeroporto – Unità' per intercettare anche l’utenza della linea tranviaria e garantire l’interscambio con il parcheggio realizzato nei pressi della fermata. Attestandosi nel comune di Poggibonsi la linea Brt assicurerà il collegamento con la linea ferroviaria Siena-Empoli garantendo un rapido interscambio con i servizi ferroviari veloci Siena-Empoli-Firenze.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità