Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo «spoiler» di Emis Killa in un video sui social network: in arrivo un nuovo brano con Fedez

Attualità martedì 22 febbraio 2022 ore 13:19

Col Pnrr 70 bus elettrici in più entro il 2026

bus

I fondi, oltre 48 milioni, andranno a svecchiare le flotte di trasporto pubblico locale con un abbattimento di 3.700 tonnellate di CO2



FIRENZE — Oltre 48 milioni per l’acquisto di nuovi bus elettrici per il trasporto pubblico locale e per le infrastrutture accessorie necessarie ad esempio alla loro ricarica: sono i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) assegnati a Firenze dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e per i quali la giunta comunale ha approvato, su proposta dell’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, la delibera di ammissione ai finanziamenti.

In dettaglio i fondi ammontano a 48.411.560 euro. Di questi 35 milioni destinati all’acquisto di almeno 18 bus entro il 31 Dicembre 2024 e un obiettivo complessivo minimo obbligatorio di 68 bus da acquistare e mettere in esercizio entro il 30 Giugno 2026. I restanti 13.411.560 euro sono invece finalizzati alla realizzazione delle infrastrutture di supporto per l’alimentazione dei veicoli (spese per la predisposizione degli allacciamenti alla rete di erogazione, luoghi di ricarica e dei relativi apparati e se necessario delle opere di adeguamento dei depositi). 

Inoltre, nel caso di concessione di ulteriori risorse provenienti da economie, l’amministrazione ha chiesto 9,6 milioni di euro con cui acquistare 16 bus aggiuntivi (8 milioni) e intervenire sulle infrastrutture di ricarica (1,6 milioni) sempre entro il 30 Giugno 2026. Significativi i benefici ambientali derivanti dalla sostituzione dei vecchi bus con i nuovi mezzi elettrici: la riduzione annua stimata è pari a 3.700 tonnellate di CO2, 22,1 tonnellate di ossidi di azoto e 0,7 tonnellate di Pm10.

Tra le caratteristiche prescritte dal ministero per i nuovi bus ci sono le attrezzature per l’accesso e il trasporto di persone a mobilità ridotta, il conta-passaggeri, dispositivi per la localizzazione, la predisposizione per la validazione elettronica, la videosorveglianza e i dispositivi di protezione per i conducenti, sistemi di aerazione e climatizzazione dei veicoli. Il Pnrr detta poi i tempi e il cronoprogramma.

Secondo le stime della direzione mobilità di Palazzo Vecchio, con questi fondi entreranno in servizio almeno 70 bus elettrici di 12 metri che andranno a sostituire almeno 58 veicoli diesel urbani di pari dimensioni ma con capienza maggiore. I primi ad essere rottamati saranno i mezzi più inquinanti, vale a dire Euro 3, ma con l’eventuale finanziamento aggiuntivo saranno sostituiti anche alcuni Euro 5.

Una volta completato questo investimento, il servizio urbano sarà svolto, per quanto riguarda il parco mezzi di 12 metri, da bus Euro 5 di ultima generazione (20%), da bus Euro 6 (circa il 55%) e dai veicoli elettrici (circa il 25%).

Quanto all'alimentazione, la scelta dell’amministrazione si è orientata su mezzi compatibili con la ricarica lenta - quindi notturna - presso i depositi aziendali e in parte presso eventuali capolinea con le necessarie caratteristiche, come gli hub multimodali di viale Guidoni e di Rovezzano. Questa tecnologia consente di avere veicoli con autonomia maggiore e soprattutto di non dover realizzare svariati punti di ricarica lungo i percorsi delle linee urbane. 

“Sono sicuramente finanziamenti importanti – commenta l’assessore Giorgetti – e da parte nostra cercheremo di acquistare il prima possibile i nuovi mezzi. Abbiamo già incontrato il gestore per informarlo e programmare insieme la sostituzione dei bus più anziani con i nuovi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno