Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE13°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Centrodestra, il vertice tra Berlusconi, Meloni e Salvini a Villa Grande

Attualità mercoledì 07 ottobre 2020 ore 12:29

Nuovo piano dei rifiuti, ecco cosa cambia

ALESSIA SCAPPINI SU NUOVO PIANO DEI RIFIUTI ALIA - dichiarazione

Ogni cittadino riceverà tutti gli strumenti necessari ed utili per provvedere personalmente e correttamente alla raccolta differenziata dei rifiuti



FIRENZE — Il nuovo Piano dei Rifiuti di Firenze, coordinato e progettato insieme al gestore del servizio Alia Servizi Ambientali Spa è stato presentato oggi a Palazzo Vecchio. L'obiettivo del piano è il cambiamento del sistema di raccolta differenziata, per migliorarne la qualità e la quantità. 

Il progetto è stato definito Firenze Città Circolare. Il sindaco Dario Nardella ha spiegato "Il piano partirà già dalla prossima settimana, puntando in modo capillare sulla raccolta porta a porta nei quartieri collinari della città e che andrà a regime in modo graduale da qui ai prossimi due anni. Un progetto di investimento anche sul digitale che ci permetterà di tracciare i flussi di conferimento dei rifiuti e avere quindi in tempo reale la situazione del comportamento di ogni cittadino sulla raccolta: un modo per poter individuare chi viola le regole ma anche per premiare chi contribuisce ad aumentare la raccolta differenziata e il riciclo. Si tratterà di premi fiscali e non, ma sempre legati al tema della città sostenibile. I nostri obiettivi sono molto chiari: arrivare in cinque anni al 70% di raccolta differenziata e al 60% di riciclo, portando sotto il 10% il conferimento dei rifiuti in discarica e facendo di Firenze una città sempre più green”.

“L’obiettivo di questo piano è quello di aumentare la quantità e qualità di raccolta differenziata - ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re - passando dall’attuale 53% al 70 per cento. Riusciremo a farlo soprattutto grazie al senso di responsabilità dei cittadini che gradualmente, a partire dalla prossima settimana, saranno coinvolti nel passaggio a due nuovi metodi di raccolta in città: il porta a porta nelle zone collinari a bassa urbanizzazione e i cassonetti intelligenti”.

Alessia Scappini, AD di Alia Servizi Ambientali SpA ha aggiunto "Il percorso intrapreso con l’Amministrazione comunale vuole rendere il cittadino consapevole e fornire tutti gli strumenti (misurazione dei propri conferimenti, servizi di raccolta per le diverse frazioni, ...) necessari a fare la propria parte. Non ci possono essere più scuse, è necessario sviluppare in ciascuno la consapevolezza dei propri gesti quotidiani; non è più possibile sprecare, depauperare il pianeta e non trasformare i rifiuti in nuovi prodotti, contribuendo così a contrastare le emissioni di CO2. Proprio per questo FirenzeCittaCircolare mette al centro della transizione il cittadino".

Il progetto coinvolge 200 mila utenze domestiche e 28 mila utenze non domestiche, oltre ai rifiuti prodotti da turisti, city users, pendolari e studenti, permetterà di valorizzare quanto già oggi viene avviato a recupero proveniente da Firenze: oltre 133.000 t/anno su un totale di oltre 246 mila t/anno di rifiuti raccolti da Alia Servizi Ambientali. Un maggior recupero di materia per le filiere del riciclo, sostenibilità ambientale ed economico con una riduzione del costo ad utenza pari al 16% all’anno. La trasformazione dei sistemi di raccolta a Firenze permetterà, inoltre, la riduzione dell’evasione e dell’elusione della Tari, l’acquisizione in città di 160 posti auto equivalenti, maggior decoro urbano ed abbattimento di CO2 grazie all’ottimizzazione del traffico veicolare dei mezzi di raccolta.

Da domani l’avvio della fase informativa con il gruppo dell’A-team, una squadra formata per svolgere azioni di sensibilizzazione sui temi della raccolta differenziata, e la trasformazione del servizio a PAP con tracciatura dell’utenza nell’area di Castello con la prima assemblea in streaming il 14 ottobre e il 22 ottobre nei locali dell’Atletica Castello. A seguire il porta a porta coinvolgerà Bolognese, Faentina, Settignano, etc; le prime zone interessate dal contenitore dotato della nuova elettronica saranno Milton-Libertà-Viali a primavera del 2021.

La trasformazione dei servizi di raccolta sarà completata entro il 2022, quando potrà essere applicata una tariffa/tributo che premia, sulla base del grado di partecipazione attiva ai servizi offerti ed al sistema di raccolta differenziata, promuovendo agevolazioni e sconti per gli utenti più virtuosi. I criteri della Tariffa Premiante saranno definiti nel nuovo regolamento TARI, unitamente alla revisione del Regolamento di Gestione dei Rifiuti, che il Comune di Firenze dovrà definire ed approvare.

Il progetto si basa sulla risposta a due esigenze: eliminare, il più possibile, i rifiuti di voluminosi imballaggi in cartone dalle postazioni stradali, per rendere i contenitori disponibili per le utenze domestiche, raccogliere separatamente consistenti quantità di imballaggi in cartone, con elevato indice di qualità, (ovvero senza presenza di materiali estranei) rispetto al conferimento ai contenitori stradali.

Ecco le novità

Ogni cittadino riceverà tutti gli strumenti utili per fare correttamente la raccolta differenziata "Pochi e semplici gesti da compiere all’interno delle proprie case per rendere possibile la trasformazione dei rifiuti in nuove risorse.

Nel portale dedicato sono presenti le informazioni utili sulla nuova modalità di raccolta con il calendario delle attività.

In cosa consiste il cambiamento? Estensione dei servizi con controllo di conferimento (pass accessi ai contenitori stradali e tag sui contenitori porta a porta) per tariffe che premiano gli utenti migliori, raccolta domiciliare porta a porta in aree collinari e in zone limitrofe la dove questo servizio sia già attivo, nuovi cassonetti asimmetrici a carico laterale in zone a viabilità agevole (Isolotto; Firenze Nova; Rocca Tedalda-Aretina nuova; Villamagna-Europa; Piagge), contenitori Up Loader con Smart Control in aree ad alta densità insediativa, contenitori interrati con Smart Control nel Centro Storico Unesco e zone di riqualificazione urbana, raccolta cartone ed imballaggi porta a porta per utenze commerciali (San Jacopino; Novoli; Galluzzo; Soffiano; Campo di Marte e area esterna al centro storico Unesco), raccolta porta a porta utenze di ristorazione, bar e ortofrutta per organico, multimateriale leggero e vetro in Oltrarno (San Frediano, Santo Spirito e San Niccolò)

Sarà applicata una tariffa premiante per tutte le utenze iscritte a TARI

Saranno adottati i seguenti metodi: tutte le torrette dei contenitori interrati saranno dotate di sistemi di chiusura elettronici delle aperture accessibili attraverso: chiavetta elettronica con Tag RFID fornita a tutte le utenze iscritte a TARI; lettura di dispositivi cellulari attraverso applicazioni web anche per le utenze “temporanee” (turisti, visitatori, studenti, lavoratori temporanei etc.) non iscritte a TARI. Nelle zone a maggiore densità insediativa, fuori dal centro storico (area Unesco), ogni contenitore, sia su sede stradale sia interrato, sarà dotato di sistemi di apertura con chiavetta elettronica, per tutte le categorie di rifiuto (Rifiuti Non Differenziabili; Organico; Carta e Cartone; Multimateriale leggero; Vetro). L’accesso ai contenitori sarà possibile anche con sistemi di riconoscimento dei dispositivi cellulari, attraverso l’uso di applicazioni web. Sulle zone collinari di Firenze ed in altre zone urbane, sarà attivata la raccolta Porta a Porta attraverso la consegna di contenitori specifici (carrelli, sacchetti e bidoncini), con Tag RFID, legati alle singole utenze TARI. Tutti i conferimenti saranno monitorati con la lettura di tutti i Tag in fase di raccolta.

I dati rilevati per ciascun utente TARI, saranno utilizzati per definire il grado di partecipazione al sistema di raccolta differenziata, unitamente al grado di partecipazione ad altri sistemi di servizio paralleli e complementari (Centri di Raccolta, Eco Tappe, Eco Furgoni, richiesta di raccolta rifiuti ingombranti, etc.)

La raccolta domiciliare porta a porta sarà adottata in zone a bassa densità abitativa ed insediativa, come le zone collinari e di periferia (Serpiolle; Careggi; San Domenico; Settignano; Rovezzano; Ponte a Ema; Michelangelo; Cinque Vie; Bellosguardo; Ugnano; Mantignano; Brozzi Quaracchi) e in altre zone urbane di confine con aree già servite dal porta a porta (Sorgane; Castello; Bolognese – Faentina alta; Ponte a Mensola – Settignano)

I contenitori da esporre al proprio numero civico, consegnati gratuitamente agli utenti, sono dotati di sistemi elettronici di riconoscimento Tag/Rfid e di un codice legato alla singola utenza. Ad ogni vuotatura, con un sistema di lettura automatico del TAG/Rfid, si registrerà automaticamente volume e tipologia di rifiuto conferiti.

Il conteggio finale, a chiusura del progetto, sarà reso compatibile e uniforme a quello registrato con i contenitori stradali dotati di controllo accessi. I dati raccolti su tutto il territorio fiorentino, saranno utili per definire criteri di premio e di sconto per utenti virtuosi.

Gli attuali cassonetti stradali, saranno sostituiti con i nuovi cassonetti Side Loader Asimmetrici Smart, brevetto esclusivo di Alia, dotati di chiusura, controllo accessi ed altri dispositivi elettronici (GPS, pannelli fotovoltaici, sensori per il controllo volume, umidità, temperatura, ribaltamento etc.). Ogni postazione, mediamente, sarà dotata di contenitori per tutte le categorie di rifiuto (Rifiuti Urbani Non Differenziabili; Organico, Multimateriale leggero, Carta e cartone, Vetro).

Il nuovo cassonetto Side LoaderSmart, oltre il vantaggio estetico, è studiato per ridurre l’ingombro su strada, avere poche parti in movimento soggette a danneggiamento, essere meno rumoroso e avere una maggiore ergonomia anche per portatori di handicap; può essere bloccato elettronicamente.

Il cassonetto Side Loader è destinato a zone urbane a minore densità insediativa, con maggiore disponibilità di spazi su strada (Piagge; Isolotto; Firenze Nova; Rocca Tedalda; Villamagna).

I contenitori Up Loader Smart, sono dotati di dispositivi elettronici e prenderanno progressivamente il posto dei vecchi modelli già installati in città. La dotazione di dispositivi elettronici permette il monitoraggio del servizio di raccolta, in modo da estendere ed uniformare un sistema di tracciamento dei conferimenti per tutti i servizi di raccolta per l’applicazione della Tariffa/tributo premiante.

I nuovi contenitori saranno installati progressivamente con la modifica e la sostituzione dei contenitori già installati nelle zone trasformate con il sistema Up loader/controllo accessi volumetrico (San Jacopino, Campo di Marte, Galluzzo, Soffiano, Novoli etc.). Il sistema di riconoscimento impiegherà dispositivi TAG/Rfid compatibili con le chiavette elettroniche già diffuse sul territorio di Firenze.

L’area di prima sperimentazione sarà il Villaggio Forlanini a partire da fine 2020.

Il controllo degli accessi e dei conferimenti dei rifiuti sarà esteso a tutte le tipologie di raccolta previste dal progetto, quindi presso le postazioni interrate nel Centro Storico (zona Unesco) e nelle zone di riqualificazione urbana. Nella zona Unesco, una volta completata la realizzazione delle postazioni interrate, l’installazione delle elettroniche consentirà di offrire un servizio anche alle utenze non iscritte a TARI, con esigenze legate alla fruizione dei turisti presso affitti di alloggi privati. A riguardo, sarà realizzata un’applicazione per smartphone che consenta di utilizzare i contenitori interrati anche senza l’uso di dispositivi elettronici portatili (chiavette).

Raccolta porta a porta alle utenze di ristorazione, bar e ortofrutta in Oltrarno. Il servizio si rende necessario dato l’incremento considerevole, nella zona, di attività di ristorazione e di esercizi legati alla frequentazione notturna. Il servizio incrementerà la qualità delle raccolte differenziate e renderà maggiormente disponibili i contenitori interrati per le altre utenze del centro storico.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La rimozione dell'insegna rappresenta la fine di un'epoca per generazioni di autisti e per i fiorentini che sono cresciuti a bordo degli autobus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Cronaca