Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità lunedì 19 luglio 2021 ore 16:14

Festa a Palazzo per le attività storiche cittadine

La cerimonia in Palazzo Vecchio
La cerimonia in Palazzo Vecchio

Sono 172 tra botteghe e aziende commerciali tradizionali che oggi hanno ricevuto un riconoscimento in una cerimonia nel Salone dei Cinquecento



FIRENZE — Attività storiche riunite insieme a Palazzo Vecchio: l'occasione era giornata dedicata alle Eccellenze Storiche, quelle antiche botteghe o attività commerciali inserite nella lista delle attività economiche storiche e tradizionali fiorentine in Categoria A. La lista è stata istituita dal Comune di Firenze per preservare e tutelare l’identità del tessuto commerciale e imprenditoriale cittadino, valorizzarne il suo carattere più autentico e genuino. 

Così, per celebrare l’impegno e la dedizione che le attività storiche hanno avuto nel portare avanti il proprio lavoro, l’assessore alle attività produttive Federico Gianassi ha accolto e consegnato un riconoscimento alle 172 attività inserite nella Categoria A Eccellenze Storiche, ovvero quelle con almeno 50 anni alle spalle e aventi particolari elementi di pregio per i quali sono individuati specifici vincoli di non trasformazione.

“Le città si trasformano e in questa trasformazione noi mettiamo l’impegno a tutelare chi da molto tempo rappresenta un presidio economico e lavorativo ma anche sociale e culturale della città. Per questo è nata l’esperienza di un regolamento per la tutela e la promozione degli esercizi storici”, ha detto Gianassi presente alla giornata con i rappresentanti della commissione tecnica che valuta le attività storiche, fra cui i rappresentanti delle associazioni di categoria, i membri dell’università di Firenze e della soprintendenza. 

“Vogliamo testimoniare la nostra vicinanza a queste straordinarie attività che anche durante l’emergenza Covid-19 non hanno fatto mancare la vicinanza alla città – ha aggiunto Gianassi –. Ora lavoriamo per fondare la ripartenza anche da loro, attività storiche, patrimonio della nostra città”.

A causa delle restrizioni legate al Covid questa prima giornata dedicata alle attività storiche si è svolta con un evento in forma ridotta e riservato solo alle attività inserite in categoria A, ma la lista delle attività storiche complessivamente conta ad oggi 396 attività ed è ampia: oltre alle 172 inserite fra le eccellenze ci sono infatti le attività inserite in categoria B, ovvero attività tradizionali, con almeno 50 anni di anzianità, che costituiscono espressione dell’immagine tradizionale della città, anche se non assoggettate ad alcun vincolo di conservazione (157 attività) e quelle in Categoria C ovvero attività storiche operanti su suolo pubblico (67 attività inserite nella lista).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità