Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dello scambio in aeroporto tra Brittney Griner e Viktor But

Attualità mercoledì 26 maggio 2021 ore 09:35

Recupero della frutta antica sparita dalle tavole

Il piano prevede di piantare frutteti con varietà antiche oggi scarsamente utilizzate: ciliegie, albicocche, susine, pesche, pere, mele, fichi e noci



CALENZANO — Nel Comune di Calenzano sono stati piantati frutteti con varietà antiche oggi scarsamente utilizzate, prodotti che non sono adatti ad essere coltivati per le lunghe filiere che prevedono periodi di conservazione in frigorifero e lunghi viaggi per gli approvvigionamenti a discapito della qualità.

I frutteti garantiscono una raccolta giornaliera di alcune decine di chili di frutta fresca di qualità per un arco estivo di 4 mesi, da offrire ai mercati locali a Km 0. Iniziando con le ciliegie e le albicocche, continuando con le susine e le pesche per poi finire con pere, mele, fichi e noci.

“FruBio-frutticoltura biodiversa” è il titolo del progetto dell'Università di Firenze, cui collabora il Comune di Calenzano, realizzato col contributo di Fondazione CR Firenze. Due aziende del territorio, Semia e Casamatta, hanno raccolto la sfida.

“Gli studi presentati dall’Università – ha commentato l’assessore all’ambiente Irene Padovani – ci dicono che, a partire dall’inizio del ventesimo secolo, sul territorio italiano è scomparso oltre il 70% della diversità genetica delle principali colture, proprio perché non avevano le caratteristiche necessarie all’agricoltura intensiva e al mercato di filiera lunga. Con questo progetto contribuiamo a far rivivere sul nostro territorio alcune di queste antiche cultivar, che si contraddistinguono per la loro rusticità e le pregevoli caratteristiche organolettiche, con il duplice obiettivo di fare riscoprire al consumatore i gusti di un tempo e di rispettare l’ambiente attraverso metodi biologici di coltivazione”.

“Il sistema produttivo, unico nel suo genere - ha spiegato Valter Nencetti, ricercatore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI), sezione di Colture Arboree dell’Università di Firenze e responsabile del progetto FruBio -, si contrappone alla monocoltura e si ispira ai principi delle consociazioni tipiche della mezzadria, molto più equilibrate e idonee alla coltivazione biologica, riducendo inquinamento e impatto ambientale. Il progetto Fru-Bio, inoltre, attraverso una coltivazione moderna e all’avanguardia, permette, oltre alla salvaguardia del germoplasma e della biodiversità, di offrire al consumatore frutti di pregevoli caratteristiche organolettiche e nutraceutiche nell’interesse delle aziende che si sono rese disponibili alla coltivazione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati degli operai a fare il macabro ritrovamento avvisando le forze dell'ordine. Oltre al teschio anche altri resti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca