Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:46 METEO:FIRENZE12°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità mercoledì 31 gennaio 2018 ore 11:39

La Crusca promuove il congiuntivo pop di Baglioni

L'Accademia e l'Università entusiaste del brano dedicato al modo verbale con cui il cantante correrà al prossimo Festival di Sanremo



FIRENZE — Chi l'avrebbe mai detto che una canzone sul congiuntivo potesse far breccia nella giuria selezionatrice delle Nuove proposte al Festival di Sanremo? Se lo chiede ancora con una certa incredulità il cantautore fiorentino Lorenzo Baglioni che a giorni salirà sul palco dell'Ariston. Eppure è andata così. Il modo verbale che esprime il dubbio e l'irrealtà, trappolone micidiale in cui non di rado cadono anche i più navigati oratori o presunti tali, avrà il suo momento di gloria davanti ai telespettatori italiani. E in una chiave molto pop. 

A esprimere il loro parere più che favorevole alla canzone "Il Congiuntivo" di Baglioni sono stati linguisti, docenti e non ultimi il rettore dell'Ateneo fiorentino Luigi Dei e il presidente dell'Accademia della Crusca Claudio Marazzini. In realtà è stato lo stesso Baglioni a dire che nel brano c'è molto di autobiografico "perché il ragazzo del pezzo, che lo sbaglia, in fondo sono io".

La Crusca aveva promosso il brano ancor prima dell'inizio della corsa verso l'Ariston. Ieri sera, poi, in un incontro al rettorato di Firenze, i complimenti sono stati rinnovati. "Ci fa piacere che ci siano cantanti pop che sposano la causa della lingua italiana, in un momento in cui si rinnovano le occasioni in cui si cerca di emarginare il congiuntivo, ahimè spesso pure da aree istituzionali; bene che dalla musica invece arrivi un messaggio contrario", ha detto Marazzini. Il rettore ha poi aggiunto: "Bravo, rivitalizzi il congiuntivo grazie al potere evocativo della canzone". A far paura, ha detto Dei, è "l'abbandono di questo modo, generatore di dubbio: senza dubbi si rischia di perdere l''amore per il dialogo e la discussione". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia municipale ha diramato le fotografie di quattro biciclette recuperate al fine di individuarne i proprietari per la restituzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità