comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:09 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 26 novembre 2020
corriere tv
Morto Maradona, quando si raccontò a Kusturica: «La droga? Immaginati che giocatore sarei stato senza cocaina»

Arte sabato 02 novembre 2019 ore 17:20

Porta sud del Battistero, restauro concluso

Un particolare della porta sud del battistero di San Giovanni dopo il restauro

Nella notte fra il 4 e il 5 Novembre la porta monumentale lascerà l'Opificio delle pietre dure e sarà collocata nel Museo dell'Opera del Duomo



FIRENZE — E' terminato il restauro della Porta sud del Battistero di San Giovanni.

Nella notte tra il 4 e il 5 novembre 2019, con inizio alle ore 21, la monumentale opera scolpita dall'artista trecentesco Andrea Pisano sarà trasportata dalla sede dell’Opificio delle Pietre Dure, in via degli Alfani, al Museo dell’Opera del Duomo. 

Visto il grande peso, circa sette tonnellate, tre e mezzo per ogni anta, occorreranno due viaggi, uno per anta. 

Una volta al museo, la Porta Sud sarà trasportata nella sala del Paradiso e montata in una teca, accanto alle altre due Porte del Battistero, dove sarà visibile al pubblico a partire dal 9 dicembre 2019. 

Per permettere le operazioni di montaggio della Porta Sud, il Museo dell’Opera del Duomo rimarrà chiuso al pubblico dal 4 al 22 novembre 2019 compreso.

L’intervento di restauro è stato possibile grazie all’Opera di Santa Maria del Fiore che lo ha finanziato interamente, compresi lo smontaggio, il trasporto e la collocazione nel museo. 

Con la Porta Sud si conclude un epocale ciclo di restauri, diretti ed eseguiti dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, che ha riguardato le tre monumentali Porte del Battistero di Firenze: la Porta del Paradiso e la Porta Nord di Lorenzo Ghiberti e la Porta Sud opera di Andrea Pisano.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità