Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:FIRENZE19°31°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 15 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, ecco il momento in cui la trivella crolla: un uomo si salva correndo

Attualità sabato 16 aprile 2016 ore 10:14

La porta sud inizia il suo viaggio

Le ante di Andrea Pisano hanno lasciato il Battistero dopo 680 anni. Ora il restauro e poi la nuova collocazione nel museo dell'Opera del Duomo



FIRENZE — Quasi sette secoli e ora un nuovo viaggio. Un cammino iniziato di notte e che ha richiesto cinque ore di lavoro per trasferire tutte e due le ante della porta Sud realizzata da Andrea Pisano tra il 1330 e il 1336 nei laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure. 

Sono stati necessari due viaggi, ognuno dei quali ha trasportato un’anta di 4 tonnellate più il peso delle gabbie metalliche, progettate per sostenerle e proteggerle. In tutto, un carico di 7 tonnellate.

Sul Battistero, al posto della Porta Sud ora è stata collocata una porta sostitutiva, in ferro e legno, progettata da Francesco Gurrieri. Si tratta di una soluzione temporanea in attesa della realizzazione della replica ad arte che sostituirà definitivamente l’originale sul Battistero, come è avvenuto per le altre due porte. Già nei giorni scorsi l’imponente porta bronzea alta quasi 5 metri era stata smontata e le due ante posizionate all’interno del Battistero.

Il restauro durerà tre anni e dovrà portare alla luce ciò che resta della doratura originale sotto lo sporco e i depositi che ne offuscano la superficie. Poi l’opera sarà collocata nel nuovo Museo dell’Opera del Duomo, accanto alla Porta del Paradiso e alla Porta Nord. La collocazione nel museo dell’Opera del Duomo, all’interno di grandi teche, si è resa necessaria perché le porte del Battistero devono essere conservate in condizioni costanti di bassa umidità per evitare il formarsi di sali instabili, tra la superficie del bronzo e la pellicola dorata, che salendo, sollevano e perforano l’oro causandone la distruzione.

Costo dell'intervento, 1 milione di euro finanziati dall'Opera di Santa Maria del Fiore. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'auto si è ribaltata nella strettoia, sul posto sono intervenuti il personale del 118 e la polizia municipale. La circolazione è stata bloccata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca