comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 05 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo, neve in Liguria: in azione le squadre di soccorso della Protezione civile

Attualità giovedì 31 marzo 2016 ore 17:11

L'ulivo di via Georgofili trasferito in un vivaio

la rimozione dell'ulivo

La pianta che ricorda le vittime dell'attentato mafioso del 1993 aveva bisogno di alcune cure. E' stata sostituita con un altro albero



FIRENZE — L'ulivo centenario, proveniente dalla Maremma, era stato trapiantato nel 2004 nel luogo dove il 27 maggio 1993 un Fiat Fiorino imbottito con 250 chili di tritolo esplose, uccidendo cinque persone: i quattro membri della famiglia Nencioni e lo studente Dario Capolicchio. 

L’ulivo, interrato proprio davanti la sede dell’Accademia dei Geogofili, era il simbolo del cuore ferito di Firenze lentamente tornato a nuova vita, la rappresentazione vivente della rinascita simbolica della strada e dell'intera comunità fiorentina  colpita dall’attentato mafioso.

Oggi, al suo posto, i giardinieri della direzione ambiente hanno sistemato un altro ulivo, di circa 70 anni di età, proveniente dal vivaio del Comune. Con loro erano presenti l’assessore all’ambiente Alessia Bettini ed il presidente dell’Accademia dei Georgofili Giampiero Maracchi.

"Questa pianta ha un significato fondamentale - ha sottolineato l’assessore all’ambiente Alessia Bettini – oltre a essere un omaggio alle vittime innocenti di una strage mafiosa che ha colpito così duramente Firenze, è un modo per dire che non dimenticheremo mai".



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità