QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19°33° 
Domani 19°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità sabato 09 aprile 2016 ore 16:00

Una firma per estendere i diritti del lavoro

Maternità, malattia e ammortizzatori sociali per tutti: prosegue la campagna Cgil per la "Carta dei diritti" e contro lo sfruttamento del lavoro



FIRENZE — Parte oggi pomeriggio a Firenze la campagna della Cgil fiorentina a sostegno della "Carta dei Diritti Universali del lavoro", documento di 97 articoli elaborato dal sindacato nazionale come una sorta di nuovo Statuto dei Lavoratori, aggiornato e rivisto alla luce del mercato del lavoro ai tempi del jobs act e del precariato

Tra le novità che si vogliono introdurre, l'estensione e tutti i tipi di contratti, indipendentemente dalla categoria, il diritto alla maternità e alla conciliazione dei tempi casa-lavoro, il diritto a poter godere di ammortizzatori sociali inc caso di perdita del lavoro, il diritto alla retribuzione in caso di malattia, il diritto ad una paga equa.

Dalle 15,30 in piazza Strozzi sarà allestito lo stand in cui saranno raccolte le firme necessarie (50mila in tutta Italia) a trasformare la "Carta" in una legge di iniziativa popolare da presentare in Parlamento, ma anche le firme (ne servono 500mila a livello nazionale) per tre referendum per lo stop ai voucher, sulla responsabilità solidale negli appalti e per estensione Articolo 18. Tre consultazioni popolari che puntano a modificare alcuni aspetti fondamentali dell'attuale legislazione del lavoro.

Otre a gazebo e banchini, oggi pomeriggio saranno presenti anche la segretaria generale della Camera del lavoro Paola Galgani, e Vera Lamonica della segreteria Cgil nazionale, assieme al concerto dei Mediterranea.Tra una canzone e l'altra, un delegato di un'azienda locale leggerà un articolo della Carta dei Diritti che se diventasse legge potrebbe migliorare la sua condizione di lavoro.  

“Dopo le oltre 1000 assemblee che abbiamo fatto nei luoghi di lavoro - spiega Galvani - vogliamo far capire che firmando per la Carta e per i tre referendum si sostiene la nostra battaglia per un nuovo modello di lavoro, dove non ci sono lavoratori di serie A e di serie B".

PAOLA GALGANI SU FIRMA PER CARTA DIRITTI UNIVERSALI DEL LAVORO - dichiarazione


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

Attualità