Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:52 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali Ennio Doris, Berlusconi fa le condoglianze alla moglie Lina Tombolato

Attualità mercoledì 08 aprile 2020 ore 11:55

Un censimento archeologico per salvare i cantieri

In foto un saggio archeologico sui cantieri del tram

L'obiettivo dell'accordo è limitare il più possibile la sospensione o il rallentamento dei cantieri per evitare tempi più lunghi e costi maggiori



FIRENZE — Prevedere e gestire possibili interferenze tra i lavori di scavi pubblici o privati e i beni d’interesse archeologico, in modo da limitare la sospensione dei lavori o il rallentamento delle attività di cantiere, questo è l’obiettivo dell’accordo tra Comune di Firenze, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio Firenze Prato e Pistoia e Dipartimento di Storia, archeologia, geografia, arte e spettacolo (Sagas) dell’Università di Firenze che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica Cecilia Del Re. 

Per raggiungere lo scopo potranno essere individuate diverse modalità d’intervento come controlli in corso d’opera, sondaggi e scavi eseguiti da archeologi specializzati, nelle aree di interesse archeologico, secondo una gradazione di attenzione da indicare nelle Norme tecniche di attuazione del Piano strutturale.

“Vogliamo aggiornare e implementare il quadro conoscitivo dei nuovi strumenti urbanistici - ha detto l’assessore Del Re - definendo anche un più efficace modello per la tutela e gestione delle risorse archeologiche, a partire da ricerche di rigore scientifico in grado di fornire un supporto di analisi, metodo e intervento. L’accordo approvato oggi va in questa direzione perché getta le basi per elaborare, all’interno del Piano strutturale 2020, un livello conoscitivo più efficace delle risorse archeologiche, aggiornando i piani del 2007, 2010 e 2014. Abbiamo poi contestualmente lavorato con la Soprintendenza per prevedere e gestire possibili interferenze tra i lavori di scavi e i beni archeologici, limitando così il più possibile la sospensione o il rallentamento dei cantieri che possono comportare tempi più lunghi e costi maggiori, come avvenuto anche nel recente passato”.

In vista dell’elaborazione dei nuovi strumenti urbanistici, l’Amministrazione si propone quindi di normalizzare, implementare e aggiornare le informazioni di carattere archeologico con i nuovi dati disponibili, ma anche di revisionarne il posizionamento in un’ottica di massima efficacia, in modo da realizzare un ‘censimento’ per la tutela preventiva del patrimonio archeologico. Il tutto anche con l’obiettivo di prevedere e gestire possibili interferenze tra i lavori di scavi pubblici o privati e i beni d’interesse archeologico, in modo da limitare la sospensione dei lavori o il rallentamento delle attività di cantiere con aumento di oneri, danni economici e tempo per gli operatori. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La protesta dei residenti viaggia con la posta elettronica, centinaia di lettere inviate agli assessori per chiudere il giardino di via Galliano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità