Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Attualità lunedì 17 maggio 2021 ore 19:02

"Sia pace tra Israele e Palestina"

Le autorità che hanno siglato l'appello
Le autorità che hanno siglato l'appello

Da Palazzo Vecchio parte l'appello per il Medio Oriente al termine di un incontro tra il sindaco, l'imama e il presidente della comunità ebraica



FIRENZE — "Sia pace tra Istraele e Palestina": l'appello arriva da Palazzo Vecchio al termine dell'incontro tra il sindaco Dario Nardella, l'assessore ai rapporti con le confessioni religiose Alessandro Martini, l'imam di Firenze Izzedin Elzir e il presidente della comunità ebraica fiorentina Enrico Fink. Ecco il testo integrale del documento siglato dalle autorità civili e religiose fiorentine.

“Firenze, città ‘sul monte’, non può tacere di fronte alla violenza ed alla tragica situazione che sta distruggendo e mietendo vittime innocenti coinvolte in questo inaccettabile ennesimo scontro tra Israele e Palestina. La nostra è una storia di incontri, di accoglienza e di riconoscimento delle diversità come valore aggiunto sempre.E' una storia che ci impone di sentirci responsabili e coinvolti anche in quest’era difficile per quelle terre certamente ma anche per il mondo intero".

"Firenze, città del dialogo, che ha saputo tradurre in gesti e percorsi concreti nel tempo l’impegno per la pace e lo sviluppo a partire dai convegni ‘lapiriani’ degli anni ‘50 e ‘60 fino ai giorni nostri con tantissime iniziative volte al consolidamento dei legami e del reciproco riconoscimento". 

"A tal proposito facciamo nostre le parole espresse nella nota che la scuola interreligiosa ha reso pubblica: ‘In questo ripetuto clima di tensione, guerra e bombardamenti, la Scuola Fiorentina per l’Educazione al Dialogo Interreligioso e Interculturale rinnova con convinzione il suo invito a tutti i leader e le parti in campo a praticare con coraggio la via del dialogo e rispetto dei diritti per la ricerca di una pace duratura fra palestinesi e israeliani. E nel dialogo e nel confronto con il prossimo, nella pratica di una pacifica vicinanza, nella conoscenza delle paure e speranze dell’altro, il punto di svolta che ci permette di sconfiggere la violenza e di salvaguardare la sacralità della vita umana’. Da qui il nostro accorato appello rivolto alle parti in conflitto e ai capi delle nazioni che possano risultare determinanti nelle difficili ma indispensabili scelte volte a creare le condizioni per un futuro che partendo dal riconoscimento reciproco tra le parti sappia trovare soluzioni stabili e durature nel segno della pace e dello sviluppo per tutti".

"Giorgio La Pira riteneva fondamentale questo impegno tanto da esprimersi così: 'Non ci sarà pace nel mondo finché non ci sarà pace a Gerusalemme'. Da Palazzo Vecchio oggi, insieme, esprimiamo un grande accorato appello alla fraternità dei figli di Abramo e alla saggezza dei decisori politici perché il vero bene comune vinca e ci siano concessi tempi nuovi di pacifica convivenza nell’apprezzamento e stima vicendevoli".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'autista avrebbe perso il controllo del mezzo pubblico che si è schiantato contro la pedana di un ristorante distruggendola completamente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità