comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Attualità martedì 29 ottobre 2019 ore 14:41

"Negozi di vicinato presidi sociali anti degrado"

Confesercenti conta più di 3.000 imprese aggregate nella Città Metropolitana di Firenze dove sono attivi oltre 70 Centri commerciali naturali



FIRENZE — Confesercenti Firenze ha aperto una riflessione sul futuro del commercio di vicinato, con l’obiettivo di "individuare una nuova strategia e le conseguenti declinazioni operative, per rilanciare questo settore con una accezione di maggiore integrazione con il contesto territoriale nel quale opera". Occasione della riflessione è stata il Confesercenti Day ’19 l'evento che ha coinvolto i Centri Commerciali Naturali della Città Metropolitana di Firenze. Una occasione di confronto tra imprese, enti ed istituzioni sui principali temi che riguardano le aggregazioni di impresa con dodici “tavoli tematici”, con la partecipazione di amministratori del mondo economico e imprenditoriale.

Nel 1996 Confesercenti Firenze ha dato vita, per la prima volta in assoluto in ambito nazionale, al progetto di Centro Commerciale Naturale, come prima forma di aggregazione dell’impresa diffusa, creando le condizioni, culturali ed economiche per la gestione condivisa di attività nell’ambito di un territorio omogeneo. Nella Città Metropolitana di Firenze sono attivi oltre 70 Centri commerciali naturali che fanno capo a Confesercenti con più di 3.000 imprese aggregate.

La Presidente Confesercenti Nazionale Patrizia De Luise ha commentato “Sono felice di aver preso parte ad un’iniziativa così significativa. I centri commerciali naturali non sono solo insiemi di negozi, ma la dimostrazione concreta di quella ‘buona integrazione’ tra imprese di vicinato e tessuto urbano che riteniamo elemento chiave per il rilancio del commercio e della vivibilità delle nostre città. Confesercenti - ha aggiunto De Luise - ha sempre creduto nel modello dei centri commerciali naturali: i negozi e gli esercizi di vicinato, più di qualunque altro tipo di attività, giocano un ruolo fondamentale di presidio sociale e di valorizzazione sostenibile del patrimonio dei nostri borghi, dei nostri centri storici. Le botteghe ci rendono il piacere di vivere con altri e per altri, offrendo, oltre ai servizi di vendita, necessari alla comunità, anche spazi per incontrarsi, dialogare, stare bene insieme. La desertificazione commerciale non è un problema dei soli commercianti, ma di tutti, in quanto contribuisce al degrado delle città che, spesso, sfocia in un aumento di insicurezza e di criminalità. I centri commerciali naturali, dunque, rappresentano un plus importante per la qualità della vita dei cittadini e sono un volano economico fondamentale per i territori, con ricadute importanti per l’attrattività turistica ed i valori immobiliari dei nostri quartieri”.

Nico Gronchi Presidente Confesercenti Toscana ha aggiunto “Le esperienze dei Centri Commerciali Naturali, per oltre venti anni, hanno rappresentato la punta più avanzata delle esperienze aggregative e di gestione tra imprese dentro i centri storici. E’ fondamentale ribadire e valorizzare l’importanza del commercio all’interno delle città. A livello europeo esiste l’esperienza dei Town Center Management, che hanno messo insieme il settore pubblico e privato; anche nella nostra Regione dovremmo puntare ad una maggiore sinergia tra amministrazioni e imprese. Fare impresa nelle nostra città è una sfida bellissima, che solo insieme ed uniti possiamo vincere. Crediamo nel commercio, crediamo nell’impegno di centinaia di imprenditori che volontariamente si mettono a disposizione per migliorare la propria condizione”.

“La forza del commercio di vicinato sta nel suo legame con il territorio e nella sua capacità di farsi riconoscere dai consumatori. Come Confesercenti Firenze abbiamo aperto una profonda riflessione sul futuro del commercio di vicinato, con l’obiettivo di individuare una nuova strategia e le conseguenti declinazioni operative, per rilanciare questo settore con una accezione di maggiore integrazione con il contesto territoriale nel quale opera" ha detto Claudio Bianchi Presidente Confesercenti Firenze.

Sono intervenuti al Confesercenti Day l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Stefano Ciuoffo, il Sindaco di Firenze Dario Nardella e il Presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità