Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE17°31°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conference League alla Roma, Pellegrini alza la coppa ed è trionfo

Attualità giovedì 29 giugno 2017 ore 17:23

"L'uscita di sicurezza al Vasariano? C'è già"

Lo ha scritto il coordinatore regionale di Confsal-Unsa Toscana Learco Nencetti. In una porta nella chiesa di Santa Felicita la soluzione al problema



FIRENZE — La terza uscita di sicurezza del Corridoio Vasariano esiste già ed è in una porta nella chiesa di Santa Felicita, da cui il Corridoio stesso passa. Lo spiega in una nota Learco Nencetti, citando il proprio articolo 'La Chiesa di S.Felicita: una porta accanto' in cui, appunto si documenta la questione. Questione, peraltro, fatta presente tramite lettera al ministero dei Beni Culturali.

Si tratta, spiega Nencetti, di una 'porta a fianco' che si apriva nella parete nord della Chiesa di S. Felicita a Firenze. La porta "nel corso dei secoli - almeno dal 1529 al 1944 - veniva usata per far passare processioni penitenziali e Granduchi... (contro peste, carestie, alluvioni; cortei per invocare Dio per la salute dei sovrani malati; luttuose file di Battuti che si flagellavano per la Settimana Santa e, soprattutto, processioni che portavano in questa chiesa la taumaturga immagine della Madonna dell'Impruneta) - spierga Nencetti - inoltre, nella lettera al Ministero teniamo a precisare che poiché questa porta era direttamente collegata, almeno durante il Governo Lorenese, al percorso intra muros edificato da Giuseppe Ruggieri a partire dal 1767, percorso 'autonomo (esterno)' che conduceva al Coretto e al Corridoio Vasariano”. Un passaggio che, stando alle carte, poi e' passato al demanio”.

Riguardo a quest'ultimo aspetto, tra l'altro, Nencetti ricorda: "Apprendiamo che questi percorsi (Corridoio, Coretto, passaggio intra muros) erano di pertinenza dei sovrani e dovettero essere ereditati dal Demanio nel momento che leggiamo quanto segue: "Questa comunicazione diretta fra Corridoio e Chiesa venne murata nel 1912 per effetto della Convenzione dell'11 dicembre 1911, quando il Coretto - che come l'intra muros era un diverticolo granducale all'interno dell'edificio sacro - fu concesso in uso temporaneo al Parroco Don Giovanni Vegni. E allora?”

“Insomma la porta di sicurezza è lì - conclude il sindacalista - bisogna soltanto riportarla alla luce. Ci chiediamo come sia possibile che valenti Soprintendenti e Storici dell'Arte che hanno diretto e gestito il complesso monumentale non abbiano mai saputo niente. E come si giustifica lo stanziamento di oltre 10 milioni di euro per trovare nuovi locali e non usare già quelli del demanio?".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Strada chiusa e viabilità alternativa per consentire le operazioni di smontaggio del macchinario che è stato utilizzato per un recupero edilizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità