Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE18°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Arte lunedì 21 marzo 2016 ore 12:55

Fece di scoltura di legname e colorì

Questo il titolo della mostra alla ​Galleria degli Uffizi con quaranta opere che ripercorrono la storia della scultura del Quattrocento Fiorentino



FIRENZE — Il tema del legno dipinto, studiato da Margrit Lisner e da Alessandro Parronchi, trova spazio per la prima volta in una mostra curata da Alfredo Bellandi.

Nel Quattrocento la scultura dipinta costituì un modello per tutti gli artisti e fu un punto di riferimento per l'espressione delle successive generazioni.

Questa produzione fu predominante tra gli esponenti della più alta tradizione dell’intaglio ligneo fiorentino: i fratelli Giuliano e Benedetto da Maiano, i Sangallo, i Del Tasso, e Baccio da Montelupo.

Alla mostra nella galleria degli Uffizi molte opere celebri: il Crocifisso della SS. Annunziata di Firenze di Giuliano da Sangallo, quello del Museo Civico di San Gimignano di Benedetto da Maiano dipinto dal pittore Cosimo Rosselli e l'esemplare del Convento di San Marco di Baccio da Montelupo, appartenuto a Savonarola.

L'esposizione ripercorre la collaborazione che intercorreva tra pittori e scultori e che si realizzava anche attraverso i polittici-misti, grandi altari con al centro una statua in legno e pannelli laterali dipinti. Molti scultori, tra cui anche Donatello e Brunelleschi, si rivolgevano ai pittori per dipingere le loro opere.

Esposto anche Il Tondo Doni, simbolo di uno fra i più famosi episodi di collaborazione tra pittore, Michelangelo, e un esponente della più alta tradizione dell'intaglio ligneo fiorentino, Francesco del Tasso.

Anche Neri di Bicci, che aveva a Firenze una bottega avviata in via Porta Rossa, fu uno tra i pittori più richiesti e dipinse busti intagliati da Desiderio da Settignano e crocifissi da Benedetto da Maiano. Di Bicci anche la Maddalena al Museo della Collegiata di Sant'Andrea a Empoli, presente in mostra.

In esposizione altre rivisitazioni del tema con la Maddalena di Desiderio da Settignano della chiesa di Santa Trinita, terminata da Giovanni d’Andrea, un allievo del Verrocchio, e quella di Francesco da Sangallo del Museo diocesano di Santo Stefano al Ponte.

Nella mostra, saranno anche indagate le presenze di maestri stranieri attivi a Firenze, come Giovanni teutonico. Esposto anche il San Rocco della Santissima Annunziata di Veit Stoss, un apprezzato scultore tedesco.

L'esposizione sarà aperta al pubblico domani, martedì 22 marzo, e resterà aperta fino al 28 agosto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio innescato da una lite per antiche ruggini, poi degenerata. La vittima è rimasta ferita, il suo aggressore è stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

CORONAVIRUS