Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Attualità mercoledì 10 febbraio 2021 ore 19:45

Il parcheggio sull'Arno rischia un buco nell'acqua

Anche la Soprintendenza, dopo Italia Nostra, ha ravvisato alcune criticità nel caso di realizzazione del parcheggio interrato in prossimità dell'Arno



FIRENZE — Interrare le auto a pochi passi dall'Arno potrebbe non essere la migliore scelta possibile per risolvere il problema della sosta nell'Oltrarno, questa in sintesi la posizione della Soprintendenza.

Palazzo Vecchio dopo mesi di smentite ha rotto gli indugi ed ha chiesto alla Soprintendenza di poter scavare in piazza del Cestello per realizzare un parcheggio interrato a servizio dell'Oltrarno. Secondo Andrea Pessina l'area Unesco non sarebbe adatta ad accogliere l'infrastruttura.

E adesso? Il Comune di Firenze dovrà decidere se proseguire oppure fermarsi e cercare progetti alternativi.

Nelle scorse ore era stata l'associazione Italia Nostra a dichiararsi contraria al parcheggio interrato sostenendo che l'ipotesi della struttura non sarebbe neppure emersa tra quelle proposte durante il percorso di partecipazione per poi attaccare gli aspetti tecnici del progetto, compresa la vicinanza con l'Arno.

Ma in Oltrarno esiste veramente un problema per la sosta? I Comitati in più occasioni hanno fotografato e segnalato la sosta selvaggia nella Ztl, soprattutto nel fine settimana, evidenziando come i pochi residenti si trovino costretti a girare a vuoto in cerca di un posto mentre "Sono spesso completamente vuoti i parcheggi pubblici come Santa Maria Novella" e tuonando contro la luce verde della Movida preferendo piuttosto una "Ztl No Stop per tutelare la residenza". In altre parole secondo gli abitanti dell'Olltrarno gli avventori privilegiano la sosta sul marciapiede a quella a pagamento. Con un altro parcheggio interrato la situazione migliorerebbe? 

Cosa ne pensa la politica. Il vice presidente della commissione mobilità, Alessandro Draghi ha commentato "Se il sindaco ha seguito a bacchetta la Soprintendenza all’Artemio Franchi, allora come si comporterà dopo che Pessina ha definito impattante un'opera in area Unesco, a pochi metri dall'alveo dell'Arno. E' il luogo non adatto non l’oggetto; so benissimo dei problemi di parcheggio di San Frediano, ma sono quasi più unici che rari, i parcheggi interrati accanto ai fiumi, è indispensabile trovare un’altra collocazione che sia utile al rione, anche a ridosso dei viali di circonvallazione”.

I consiglieri Dmitrij Palagi e Antonella Bundu assieme a Giorgio Ridolfi e Francesco Torrigiani al Quartiere 1 hanno sottolineato "La Soprintendenza ha definitivamente escluso la possibilità di costruire un parcheggio interrato a due piani in piazza del Cestello. Varie le motivazioni tecniche della decisione, che non possono essere risolte con l'estetica, stile tanto caro alla consiliatura corrente. Oltre ad essere all'interno delle mura, quindi in piena sede Unesco, si ritiene sia uno scenario troppo impattante per l’area in questione e si temono già le proteste dei comitati, come già successo in era Renzi per l'area del Carmine. Per questo la Soprintendenza rilancia spostando l'idea poco fuori dal Santa Rosa, esattamente poco fuori le mura... E se invece per una volta si provasse a cambiare prospettiva politica, piuttosto che venire a compromessi tecnici?". 

Il capogruppo della Lega a Palazzo Vecchio, Federico Bussolin "Il Centro Storico necessita di politiche residenziali e i parcheggi sotterranei all’interno delle mura sono strategici, motivo per cui dovremmo rilanciarli non solo su Piazza del Cestello, ma anche in Piazza del Carmine. Adesso scopriamo che dentro le mura i parcheggi non si potranno mai fare e, accettare questo, significa piegarsi ad una città immobile con i residenti che continueranno a scappare dal centro”. 

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità