Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:45 METEO:FIRENZE14°26°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Cultura venerdì 23 novembre 2018 ore 11:53

Il museo Marino Marini riapre a ingresso gratuito

Lo ha dichiarato la presidente della Fondazione Marini Asproni alla commissione controllo di Palazzo Vecchio. Niente ticket a partire dal gennaio 2019



FIRENZE — Nel prossimo gennaio riaprirà al pubblico dopo i lavori di messa a norma il museo Marino Marini. E il biglietto di ingresso sarà gratuito. La novità è stata illustrata dalla presidente della Fondazione Marini Patrizia Asproni alla commissione consiliare controllo degli enti partecipati di Palazzo Vecchio.

Al termine dell'audizione, consigliere e consiglieri, dopo essersi dichiarati soddisfatti per l'ottimo lavoro fin qui svolto dalla governance del museo, hanno voluto rilanciare l'appello ai fiorentini perché vadano a visitare la struttura. Queste le loro dichiarazioni:

"Nel Museo di arte contemporanea Marino Marini, situato in piazza San Pancrazio, nell’omonima ex-chiesa, sono esposte le opere di Marino Marini, lo scultore italiano del ‘900 più quotato al mondo, ma purtroppo poco conosciuto dai fiorentini. La Presidente Asproni ha annunciato che dalla prossima riapertura che si avrà questo gennaio, sarà possibile accedere al museo gratuitamente. Questa scelta punta a trasformare gli ambienti suggestivi del museo, che integrano architetture moderne con ambienti antichi, in una piazza coperta, dove i fiorentini potranno riscoprire tanti capolavori dimenticati, ed accedere a mostre e altre iniziative pubbliche che vi si alterneranno.

L’importanza di riscoprire questo Museo è sottolineata anche dalla presenza come “Visiting Director”, di una figura della cultura internazionale, come Dmitry Ozerkov, storico dell’arte, e curatore del Dipartimento di Arte Contemporanea del Museo di Stato dell’Hermitage.

Dal museo si accede anche ad un altro capolavoro, il tempietto del Santo Sepolcro, costruito su commissione di Giovanni Rucellai, da Leon Battista Alberti. Rivestito di marmi bianchi e verdi, intarsiati con complessi motivi decorativi, le formelle riproducono in scala il Santo Sepolcro di Gerusalemme. Per chi non l’avesse ancora fatto, un'opera assolutamente da vedere". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli abitanti del quartiere hanno trovato diversi specchietti della automobili in sosta divelti dalle fiancate ed abbandonati sul marciapiede
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità