Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:26 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Il 93,4% delle classi è in presenza»

Attualità sabato 07 aprile 2018 ore 18:15

Un carro armato del Risiko al corteo dei curdi

Foto Facebook Colletivo Kita

Anche un carro armato tra le scritte contro la Turchia al corteo partita dalla zona dove si trova il consolato degli Stati Uniti. Mille in marcia



FIRENZE — "L'attacco del regime di Erdogan al Cantone di Afrin, in Siria, è stato criminale - ha detto Erdal Karabey, rappresentante del coordinamento del Kurdistan in Toscana - ed é grave la responsabilità dei governi della Russia e dei Paesi occidentali che continuano ad appoggiare Erdogan tollerando le sue politiche di repressione". Questo il commento a margine del corteo che oggi pomeriggio è partito dalla zona in cui si trova il consolato degli Stati Uniti a Firenze. Un migliaio le persone che si sono mosse, molte delle quali si sono unite alla marcia nel corso del pomeriggio.

Sui cartelli esposti le scritte ''Erdogan terrorista'', ''Usa, Ue, Russia complici'', ''Ochalan libero'' in mezzo alle bandiere del Kurdistan e dell'Ypg, le milizie femminili curde. Il carro armato giocattolo è stato lasciato davanti al consolato della Germania.

Il corteo è terminato in piazza Cavalleggeri.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono oltre 900 le mail inviate ad Autolinee Toscane, molte con errori e per questo motivo l'azienda ha attivato un portale per le candidature
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità