QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 11 dicembre 2019

Cultura mercoledì 21 agosto 2019 ore 12:05

Gioconda, il furto al Louvre e poi gli Uffizi

Tra il 20 agosto ed il 22 agosto del 1911 il quadro più famoso del mondo lasciava il museo di Parigi diretto verso l'Italia, sarà ritrovato a Firenze



FIRENZE — Il Comune di Firenze ha ricordato sui social network la ricorrenza del furto della Gioconda, avvenuto il 21 agosto del 1911. Vincenzo Peruggia, emigrato a Parigi, lavorava al Louvre alla manutenzione dei quadri quando la sera del 20 agosto del 1911 si nascose nel museo aspettando il momento giusto per agire.

"Il clamoroso furto fu scoperto solo il 22 agosto, scatenando una caccia all’uomo come non se ne erano mai viste. Per due anni il quadro rimase in mano a Vincenzo che, liberatosi della cornice, lo teneva nascosto sotto la tovaglia di cucina. La Gendarmeria parigina, che brancolava completamente nel buio, arrivò perfino ad arrestare due giovani che bazzicavano troppi musei; erano Guillaume Apollinaire e Pablo Picasso. La polizia perquisì anche la stanza del Peruggia, ma non trovando niente, finì per firmare il verbale su quella stessa tovaglia sotto la quale stava il dipinto. Nel 1913 cercò finalmente di portare la “Gioconda” a Firenze. Scrisse una lettera al collezionista fiorentino Alfredo Geri proponendo un acquisto finalizzato all’esposizione negli Uffizi. Il Geri finse di accettare e fissò un incontro. Il finale è storia, il Peruggia fu arrestato e la Gioconda recuperata. L’anomalo ladro sostenne sempre di aver agito mosso dall’orgoglio nazionale: il capolavoro leonardesco doveva stare a Firenze. il Peruggia, una volta uscito dal carcere delle Murate, era diventato una vera e propria star, tanto che si faceva la fila per un suo autografo su una cartolina della Gioconda”.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Lavoro