comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:38 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 26 novembre 2020
corriere tv
Maradona, il giornalista argentino dà la notizia della morte e scoppia a piangere in diretta

Attualità lunedì 04 aprile 2016 ore 11:16

Grande interesse intorno all'ex caserma Lupi

L'esterno dell'ex caserma

Oltre duecento persone hanno preso parte al primo incontro del processo partecipativo per decidere il futuro della struttura



FIRENZE — Tanta gente all'Hotel Hilton di via del Cavallaccio per il primo appuntamento per discutere dell'ex caserma Lupi di Toscana. Tra i partecipanti anche l'assessore all'urbanistica Lorenzo Perra, l'assessore al patrimonio Federico Gianassi, il vicesindaco di Scandicci Andrea Giorgi, il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni e il neo direttore dell'urbanistica Stefania Fanfani. Proprio l'assessore Perra aveva detto, prima dell'incontro che il futuro dell'ex caserma Gonzaga potrebbe essere destinato al social housing.

Il percorso partecipativo Non case ma città riprende le parole con cui nel 1954 l’allora sindaco di Firenze Giorgio La Pira inaugurò il villaggio dell'Isolotto, che rappresentava il primo intervento di edilizia sociale del ‘900 in città. Il processo per l'ex caserma Lupi Toscana aveva già vissuto una prima tappa significativa con la maratona dell’ascolto del 21 febbraio, anche in quel caso erano intervenute oltre duecento persone.

Sabato i lavori della mattinata si sono svolti in due fasi: la prima con la presentazione del percorso di partecipazione e l'illustrazione delle caratteristiche urbanistiche dell'area, la seconda con gli interventi dei cittadini (tra i quali decine di proprietari dei terreni compresi nell'area di trasformazione), che hanno segnalato punti di forza e debolezza, opportunità e rischi. I partecipanti erano suddivisi in cinque tavoli, con il ruolo di 'facilitatore' svolto dalle ricercatrici di Sociolab: "Un inizio molto soddisfacente e promettente vista la grande partecipazione - ha detto Perra - Sono emerse molte idee interessanti e alcuni punti su cui lavorare".

"La prossima settimana - ha aggiunto Dormentoni - proseguiremo con i laboratori nelle scuole elementari e medie della zona, Piero della Francesca di Ponte a Greve e Spinelli di San Giusto. Vogliamo sentire le idee dei bambini e dei ragazzi che forse sanno immaginare il futuro anche meglio di noi adulti".

Le tappe successive già fissate prevedono l’8 maggio il trekking urbano alla scoperta della caserma e dei suoi spazi, il 28 maggio al Nuovo Auditorium Rogers a Scandicci il workshop con tecnici, esperti e amministratori per individuare insieme le linee programmatiche della progettazione urbanistica.

L’intervento riguarda i 33mila metri quadrati dell’area della caserma, cui si aggiungono ulteriori 20mila metri quadrati di aree intorno, più altri 20mila nel Comune di Scandicci. La fase in corso è quella che vede l’avvio del percorso partecipativo finanziato dalla Regione Toscana, con l’obiettivo di raccogliere tutte le ulteriori indicazioni provenienti dall’area per attivare la fase successiva. Dopodiché si procederà con il concorso per la progettazione planivolumetrica in cui saranno dettagliate le funzioni. 

Il bando resterà aperto per quattro-cinque mesi e porterà alla selezione finale di un vincitore, al quale sarà chiesto di sottoporre al Comune il piano di recupero. Sarà in questa fase avviata la variante urbanistica, la cui adozione è prevista a novembre 2016, con approvazione nella primavera 2017. Conclusa la fase progettuale, sarà pubblicato il bando per la costruzione e gestione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca