Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità sabato 17 luglio 2021 ore 08:43

Una carica di 6.800 alberi per catturare la CO2

alberi

Sono 3 i progetti di riforestazione approvati dal ministero, e coinvolgono spazi in area fiorentina e Alto Valdarno, Empolese, Chianti, Mugello



PROVINCIA DI FIRENZE — Una carica di 6.800 nuovi alberi per catturare oltre 16.000 tonnellate di CO2 con tre progetti di riforestazione che abbracciano Firenze e la sua piana con l'Alto Valdarno, l'Empolese, l'area del Chianti e quella del Mugello. Le proposte progettuali sono state elaborate dalal Città Metropolitana e presentate al Ministero della Transizione Ecologica che le ha approvate.

Sono dunque stati stanziati 490.000 euro per il progetto Didattica nel verde, con la piantumazione nelle pertinenze di 10 istituti scolastici in diretta gestione alla Città Metropolitana di Firenze e dislocati su tutto il territorio provinciale. Si prevede di piantare 763 alberi oltre a 1.630 arbusti su una superficie complessiva di 3,2 ettari, così da catturare in 40 anni ben 1580 tonnellate di anidride carbonica.

Le scuole sono a Firenze l'Istituto Tecnico Agrario, il professionale Buontalenti e i licei scientifici Gramsci e Leonardo da Vinci; a Bagno a Ripoli l'istituto superiore Volta-Gobetti, a Sesto Fiorentino il Calamandrei, a Figline Valdarno il professionale Vasari. Ancora, a Borgo San Lorenzo sono state individuate le aree attorno all'istituto superiore Chino Chini e liceo scientifico Giotto Ulivi, a Fucecchio l'istituto Arturo Cecchi e a Castelfiorentino l'Enriques.

Finanziato con 500.000 euro un progetto per la piantumazione di piante forestali, postime forestale ed arbusti nelle aree delle Carpugnane, Mantignano e Parco dei Renai, rispettivamente nei comuni di Calenzano, Signa e Firenze e prossime agli 'Stagni della Piana Fiorentina', riconosciuti di interesse comunitario. Si crea così un corridoio ecologico fra Arno e Piana Fiorentina.

Per questo progetto si prevede di piantare 1.271 alberi oltre a 1.500 arbusti su una superficie di 4,7 ettari (29.081,44 metri quadrati alle Carpugnane, 6.743,76 al Parco dei Renai e 11.192,15 a Santa Maria ad Antignano). Grazie al progetto in 40 anni saranno catturate 3.010 tonnellate di Co2.

Terzo progetto, finanziato anche in questo caso con 500.000 euro, per la piantumazione di alberature in ambiente periurbano, in prossimità di zone industriali nei comuni di Empoli e Montelupo Fiorentino. Nome dato al progetto: 'Valorizzazione ecologica di aree produttive'. Si prevede di piantare 4.800 alberi su una superficie di 6,7 ettari. In questo caso si attende uno stoccaggio di CO2, in 40 anni, di 12.000 tonnellate.

"La Città Metropolitana concretizza di giorno in giorno il suo piano strategico di sviluppo che ha tra i suoi assi portanti la sostenibilità ambientale - sottolinea il sindaco Dario Nardella - La Metrocittà fiorentina è verde e non rinuncia a qualificarsi nel tempo come metropoli ecologica, capace di ripensare il territorio e anche di ridisegnare, come con questi tre progetti, le sue aree".

"Siamo soddisfatti della risposta positiva da parte del Ministero - dichiara Letizia Perini, consigliera della Metrocittà delegata all'Ambiente - Alla crescita e alla cura del verde, che è elemento strutturale prezioso e irrinunciabile del nostro territorio, corrisponde un abbattimento di anidride carbonica di grande impatto e di lungo periodo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità