Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Attualità giovedì 16 aprile 2020 ore 11:00

Artigiani in agonia, cig in deroga alle stelle

negozi chiusi

Quasi l'82 per cento delle imprese ha fatto richiesta di cassa integrazione. Confartigianato: "Anche chi può lavorare è fermo per timore del contagio"



FIRENZE — Anche le aziende artigiane stanno trattenendo il fiato da troppo tempo a causa dello stop imposto per contrastare il contagio da Covid-19. La conseguenza, per Confartigianato Imprese Firenze, è la richiesta di cassa integrazione in deroga balzata all'81,7 per cento tra le aziende associate. A spiegare la gravità della situazione è il segretario generale dell'associazione di categoria Jacopo Ferretti:  “La gran parte dei settori è ferma", ha detto. 

Anche gli artigiani che potrebbero lavorare, come ad esempio gli idraulici o gli elettricisti, in molti casi hanno deciso di rimanere fermi per timore del contagio e hanno fatto richiesta degli ammortizzatori sociali, spiega l'associazione. “I cantieri sono chiusi e quindi per queste categorie il lavoro si ridurrebbe agli interventi nelle abitazioni private – ha detto Ferretti -. Ma domina la paura del contagio, soprattutto fra i lavoratori che hanno timore ad entrare nelle case: per questo molti piccoli imprenditori hanno comunque scelto di fermarsi e mettere i dipendenti in cassa integrazione”.

Nel frattempo, tuttavia, c'è da segnalare anche l'andamento in controtendenza mostrato da alcuni ambiti ristretti di imprese come le "farmacie e le parafarmacie, o le imprese attive nella sanificazione degli ambienti che durante il mese di marzo hanno avuto un'impennata di richieste pari al 140 per cento”.

E poi ci sono le mutate abitudini dei cittadini in conseguenza dell'emergenza sanitaria che, secondo Confartigianato, dovranno essere tenute presenti per "riprogrammare le strategie future di gestione del tessuto commerciale nei centri abitati": sono infatti molte le botteghe e i negozi di vicinato che hanno aumentato il fatturato per la maggiore affluenza di persone che fanno lì gli acquisti di beni essenziali per risparmiare la coda al supermercato: “I fiorentini stanno premiando le botteghe, i negozi di vicinato che vendono generi alimentari e di prima necessità per i quali l'aumento di fatturato è mediamente fra il 20 e il 30 per cento, con punte del 40 per cento e oltre per i panifici". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' uscito dal palazzo per cedere a un cliente una dose di cocaina in cambio di 40 euro. Gli agenti l'hanno notato e fermato. Cinque persone denunciate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità