Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità giovedì 07 luglio 2022 ore 18:45

Completata la depurazione dell'area fiorentina

Il sistema depurativo serve gli 8 Comuni di Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Firenze, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino e Signa



FIRENZE — Oggi la popolazione dell'area fiorentina servita da depurazione ammonta ad oltre il 99%, 8 Comuni escono dalla procedura d’infrazione europea. Il sistema depurativo/fognario dell’area fiorentina ha trattato nel 2021 circa 66 milioni di metri cubi di acque reflue.

A fare il punto dell'intervento sono stati Monia Monni, Assessore all’Ambiente della Regione Toscana, Dario Nardella, Sindaco del Comune di Firenze e della Città Metropolitana, Alessandro Mazzei, Direttore Generale dell’Autorità Idrica Toscana, Lorenzo Perra, Presidente di Publiacqua, Paolo Saccani, Amministratore Delegato di Publiacqua.

“Oggi è una giornata storica, con quest’opera noi andiamo a depurare le acque di 600.000 abitanti equivalenti, e San Colombano diventa l’opera di economia circolare più importante per dimensioni, per virtuosità dei processi e per gli effetti ecologici fondamentali che avrà in un’area densamente abitata come quella fiorentina. E’ una grande opera, e come per tutte le grandi opere ci sono voluti molti anni e qualche battaglia per realizzarla; per questo è importante rendere onore e ringraziare i sindaci che nel corso del tempo hanno difeso la realizzazione di questa opera, Ait che ha coordinato i lavori ed il gestore, Publiacqua, che ha completato l'infrastruttura. E’ importante sottolineare che, se oggi quegli scarichi non fossero convogliati presso il depuratore, l’Arno avrebbe decine di chilometri del proprio tratto in completa anossia, sarebbe un fiume sostanzialmente morto, con effetti devastanti sotto l’aspetto ambientale Pertanto possiamo affermare che è un’opera che ci permette di dare una risposta anche al tema della depurazione dei fanghi che ci permetterà di stabilizzare la situazione degli spurghisti, che ciclicamente rappresenta un problema per quest’area. Ora è importante porci un nuovo obiettivo. Ovvero che i nostri impianti di depurazione nel futuro possano occuparsi non soltanto di alimentare i fiumi con acqua pulita, ma possano riutilizzare quelle acque, dando anche una risposta alle future crisi idriche”.

Alessandro Mazzei, direttore Generale Autorità Idrica Toscana ha aggiunto “L’uscita dalla procedura d’infrazione dell’Area Fiorentina è un’ottima notizia e dà il segno dello sforzo che si è fatto in quest’area e si sta facendo in tutta la regione per superare appunto il rischio di procedura d’infrazione per fognatura e depurazione. In tutta la Toscana abbiamo speso oltre 130 milioni di euro per realizzare fognature e depuratori che consentono ai 66 agglomerati urbani che erano in procedura d’infrazione di uscire da questa procedura. Ne sono rimasti solo 23 di cui 18 vanno a compimento quest’anno e gli altri nel prossimo anno. Un grande risultato”.

Il sistema depurativo dell’Area Fiorentina 

Serve 8 Comuni: Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Firenze, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa.

“Presentiamo il frutto di un lavoro di decenni - ha detto il sindaco Nardella -, che ci ha portato fin qui con un investimento di quasi 300 milioni di euro. Questi investimenti sono la dimostrazione di come il mix di contributi pubblici, italiani ed europei, e le tariffe pagate dai cittadini, se ben usati, possono portare dei benefici di lungo periodo. Gli investimenti fatti sono un lavoro straordinario che fa bene all’ambiente e fanno di Publiacqua una delle migliori società a livello nazionale”.

Sul territorio di questi comuni corrono 1.355 chilometri di fognatura (140 chilometri di grandi collettori e 1.215 chilometri di raccolta) e sono installati 77 sollevamenti (utili a superare gli ostacoli fisici sul terreno), 312 scolmatori.

Sono 2 i grandi sotto attraversamenti sotto i corsi d’acqua principali. Uno sotto l’Arno che, attraverso tre grandi condotte del diametro di 1,4, 1,2 e 0,7 metri per un totale in lunghezza di 400 metri, trasporta i reflui dalla riva destra fino all’ingresso di San Colombano posto in riva sinistra. L’altro consente alla grande condotta dell’Emissario in Riva Sinistra d’Arno di sotto-attraversare la Greve e collettare quindi i reflui a San Colombano.

L’insieme delle opere utili a depurare l’Area Fiorentina, attualizzando ad oggi i costi sostenuti nei decenni, a partire dal 1985 ad oggi, ha necessitato di un investimento di quasi 300 milioni di euro.

“Si chiude oggi un complesso di interventi che rendono il territorio dell’Area Fiorentina più verde e più bello. Quando Publiacqua ha iniziato la sua attività solo il 10% della popolazione di quest’area era servito da depurazione ed oggi siamo al 99,9%. È un risultato straordinario che prende le mosse da chi a questo percorso credette quarant’anni fa e che oggi si concretizza anche grazie al lavoro degli uomini e delle donne dell’azienda che in questi anni hanno lavorato duro per raggiungere questo traguardo” ha detto Lorenzo Perra, presidente di Publiacqua

“Dal 2018 al 2021 Publiacqua ha investito 52 milioni di euro per opere finalizzate all’uscita dalle procedure d’infrazione europee. Un impegno che ci ha portato a sanare 16 agglomerati urbani e che, entro il 2022 grazie ad un investimento ulteriore di 18 milioni di euro, vedrà uscire dalle procedure d’infrazione gli ultimi 9 agglomerati presenti sul nostro territorio. Questo a conferma della solidità e dell’efficienza di un’azienda che è sempre vicina al suo territorio” ha concluso Paolo Saccani, amministratore Delegato Publiacqua.

Il cuore del sistema di depurazione dell’Area Fiorentina 

E' l’impianto di San Colombano. Un impianto la cui progettazione iniziò a metà anni ’80 ed il cui primo lotto fu attivato nel 2000 ricevendo gli scarichi di Lastra a Signa e Scandicci. Progressivamente, mentre venivano realizzati gli altri due lotti, uno completato nel 2004 ed il terzo nel 2006, vengono collegati all’impianto tutti gli altri territori in riva destra e riva sinistra fino al 2014, quando viene attivato l’Emissario in Riva Sinistra d’Arno e l’aprile 2022 quando si concludono gli ultimi otto interventi che completano il sistema fognario e depurativo che consente di portare a San Colombano i reflui dell’area fiorentina.

San Colombano è un impianto di trattamento di tipo biologico a fanghi attivi organizzato su tre linee parallele di trattamento per una capacità di complessiva di 600.000 abitanti equivalenti.

Il sotto-attraversamento dell’Arno a San Colombano è funzionale a far arrivare all’impianto di depurazione i reflui provenienti dalla riva destra del fiume. Questo avviene attraverso due collettori principali: quello fiorentino e la cosiddetta Opera 10.

Il primo è lungo 9,2 chilometri e raccoglie i reflui provenienti dai collettori: Chiesi, Poggi, Macelli, Goricina, Le Piagge, Opera 5 Osmannoro. A questi collettori afferiscono gli scarichi di un’area di 2.700 ettari per circa 100 mila abitanti equivalenti.

Il secondo raccoglie i reflui dei Comuni di Calenzano, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino e Signa. All’Opera 10 si collegano i seguenti collettori: Opera 7 (Campi Bisenzio e Signa), Opera 8 (Campi Bisenzio e Calenzano), Opera 6 (Sesto Fiorentino e Calenzano), Collettore Cinta orientale di Castello e Collettore Cinta occidentale di Calenzano.

All’Opera 10 afferiscono i reflui provenienti da un’area di 1.300 ettari e 120 mila abitanti equivalenti.

In riva sinistra d’Arno sono invece tre i collettori principali. Il più grande è l’Emissario in riva Sinistra d’Arno (ERSA) completato nel maggio 2014. Lungo 7.4 chilometri e costituito in grandissima parte da condotte di 2 metri di diametro, ERSA ha richiesto un investimento di 71,5 milioni di euro e la bonifica di un’area grande come 15 campi di calcio.

Con l’operatività dell’impianto di San Colombano è stato possibile risanare il sistema fognario di Scandicci liberando dagli scarichi i fossi Stagno, Dogaione, Dogaia e Stagnolo. I reflui vengono raccolti da una condotta di 3 metri di diametro che porta a San Colombano i reflui di un’area di 850 ettari e dove vivono circa 30 mila abitanti equivalenti.

La riorganizzazione del sistema fognario di Lastra a Signa, invece, è passata attraverso la realizzazione di alcune grandi condotte finalizzate a eliminare gli scarichi diretti in Arno e nel Vingone. La cosiddetta Opera 3 è quindi costituita da una serie di collettori (per 5 chilometri di rete) e 5 sollevamenti. Con l’ultimo intervento realizzato sul sistema fognario di Lastra a Signa, conclusosi da poche settimane, sono stati realizzati 2,5 chilometri di condotte fognarie e 4 sollevamenti. Tutto questo insieme di opere consente di convogliare i reflui di un’area di 192 ettari abitata da circa 10 mila abitanti equivalenti.

Il sistema depurativo/fognario dell’Area Fiorentina ha trattato nel 2021 circa 66 milioni di metri cubi di acque reflue. Tutto questo garantendo la depurazione del 90% degli inquinanti in essi contenuti e quindi la restituzione all’ambiente di acqua pulita. Per capire l’importanza di questa restituzione, che di fatto chiude il ciclo idrico, basti pensare che in questi inizi di luglio l'Arno all’altezza degli Uffizi ha una portata di circa 4.3 mc/s (metri cubi al secondo) con una ossigenazione di circa 7 mg/l (milligrammi per litro). Se oggi tutto il carico inquinante depurato dal sistema di trattamento costruito in questi anni finisse Arno avremmo "uno scarico diretto" nel fiume da circa 2 mc/s (tra sponda destra e sinistra). Nel punto di immissione la richiesta di ossigeno sarebbe di circa 27 mg/l. Ciò determinerebbe ossigeno a 0 per decine di chilometri e quindi un fiume Arno de facto morto per l’impossibilità di vita al suo interno della fauna ittica.

Le procedure di infrazione

Dal 2019 al 2021 Publiacqua ha investito a questo fine 52 milioni di euro. Questi investimenti hanno consentito l’eliminazione di 152 scarichi in ambiente e l’uscita dalla procedura d’infrazione di 11 agglomerati urbani.

Al I° semestre 2022 risultano sanati 16 agglomerati urbani. Nel 2022 sono stati investiti a questo fine 18 milioni di euro.

Publiacqua ha ancora aperte 9 situazioni relative ad altrettanto agglomerati urbani. Nello specifico parliamo per la procedura 2014/2059 di Pistoia, Impruneta, Rufina, Strada in Chianti (Greve in Chianti). Per la procedura 2017/2181 gli agglomerati sono invece quelli di Castelfranco di Sopra, Dicomano, Mercatale (San Casciano Val di Pesa), Reggello, San Casciano Val di Pesa.

L’obiettivo è l’uscita da tutte queste procedure nel 2022.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato a metà mattina innescando l'intervento in forze da parte dei vigili del fuoco con più squadre ed automezzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca