Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Approvata legge di bilancio in Cdm, c'è stato applauso. Soddisfatti del provvedimento»

Attualità martedì 22 giugno 2021 ore 12:25

​Celiachia, svolta nella cura della dermatite

Una ricerca fiorentina dà un’opportunità terapeutica e tempi di guarigione più brevi a una malattia che può invalidare i rapporti sociali 



FIRENZE — Una nuova terapia contro la dermatite erpetiforme che colpisce i pazienti celiaci è il frutto di una ricerca della equipe medica delle Malattie rare dermatologiche e immunopatologia cutanea dell'ospedale Palagi di Firenze.

Un ristretto gruppo di pazienti celiaci, la cui incidenza in Italia è in aumento, sviluppa la dermatite erpetiforme, una malattia che si manifesta con intenso prurito e con eruzioni cutanee polimorfe e sintomatologia gastrointestinale talora asintomatica. Le manifestazioni cutanee quali il forte prurito, bruciore e papule, vescicole e bolle, sono spesso causa di frustrazione nei pazienti che soffrono di questa malattia.

Lo studio condotto dal gruppo di ricerca della dottoressa Marzia Caproni, direttore Malattie Rare Dermatologiche e Immunopatologia Cutanea presso il presidio Palagi che è anche Centro di Riferimento Regionale per la dermatite erpetiforme, è stato pubblicato di recente sulla rivista immunologica internazionale, Frontiers in Immunology. E' stato condotto su una selezione di 20 pazienti in cui la dermatite erpetiforme era stata appena diagnosticata e su un altro gruppo di 20 pazienti celiaci ma senza dermatite erpetiforme. Sono state studiate le cellule della pelle, del sangue e le caratteristiche dell’intestino per individuare le differenze immunologiche fra i due gruppi. A livello cutaneo sono emerse subito differenze evidenti.

Si apre un nuovo scenario per i pazienti refrattari o coloro nei quali la malattia si manifesta con gravi esacerbazioni cutanee nel periodo di latenza prima della risposta clinica alla dieta. L’utilizzo di farmaci più efficaci, individuati grazie alle conclusioni a cui è giunto il progetto di ricerca, possono far stare bene da subito questi pazienti nei quali, a differenza dell’intestino, la cute risponde in un tempo maggiore, compromettendo talora le attività quotidiane e i rapporti sociali.

“Abbiamo dimostrato - ha detto Caproni - che i pazienti che sviluppano la dermatite erpetiforme hanno delle specificità immunologiche che li rendono più reattivi e producono anticorpi contro la pelle e l’intestino. Anche se la casistica è limitata, lo studio dettagliato di confronto tra cute, intestino e sangue suggerisce nuove possibilità di trattamento e di ricerca”.

Lo studio è stato svolto in collaborazione con il professor Francesco Liotta della Immunologia Clinica di Firenze e con il professore Antonio Calabrò referente per il centro di riferimento regionale per la celiachia ed è stato finanziato, secondo graduatoria di merito, con fondi messi a disposizione dalla Fondazione dell’Associazione Italiana Celiachia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il rinnovo automatico riguarda gli stalli nelle zone blu promiscue di Zcs. Ecco fino a quando rimangono validi i permessi e che fare se si cambia casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca