QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15°27° 
Domani 14°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 21 settembre 2019

Attualità lunedì 19 agosto 2019 ore 12:23

Case popolari in legno, la consegna slitta ancora

Nel dicembre 2017 la promessa di terminare gli alloggi di via Torre degli Agli entro il 2018, poi 2019 e adesso la consegna per la prossima primavera



FIRENZE — Casa Spa e Comune di Firenze questa mattina hanno effettuato un sopralluogo in via Torre degli Agli, dove sono in corso i lavori per completare 88 alloggi in legno ad alta efficienza energetica. Nel dicembre 2017 l'ex consigliere PD, oggi assessore, Cosimo Guccione, interrogava il sindaco sui tempi di consegna ricevendo come data la fine del 2018, poi i tempi sono slittati ed a novembre scorso, dopo un question time a Palazzo Vecchio, sempre Guccione commentava "ad oggi, nessuna assegnazione è stata fatta, quando saranno fatte i criteri di assegnazione saranno quelli ordinari per l'Erp, ovviamente con preferenza per coloro che erano già assegnatari degli alloggi in via Torre degli Agli e che vorranno ritornarci. I tempi saranno quelli della riconsegna degli alloggi da parte di Casa SpA: il completamento dell'intervento è previsto per metà 2019". Oggi la nuova previsione è di consegnare le chiavi nella primavera 2020

il complesso ecosostenibile più moderno d’Italia, con un intelligente sistema impiantistico coordinato per riscaldamento e raffrescamento, tutto basato su fonti rinnovabili. Uno dei nostri fiori all’occhiello, che ben rappresenta la nostra mission: riduzione dell’inquinamento e basse utenze" ha commentato l'assessore Andrea Vannucci durante il sopralluogo di metà agosto. Gli 88 alloggi sono articolati in quattro blocchi edilizi, nella parte interrata cantine e garage. 

L’assessore alla Casa ad inizio agosto era stato anche sul cantiere in via Nave di Brozzi alle Piagge per i lavori di realizzazione del nuovo cappotto termico dell’edificio che assicura un netto miglioramento delle prestazione energetiche, oltre che la riqualificazione estetica delle facciate. Un intervento dell’importo complessivo di oltre 550mila euro che rientra nel programma di lavori di efficientamento energetico delle case popolari. Oltre che in via Nave di Brozzi, gli interventi di riqualificazione energetica sono in corso in via Signorelli, via Canova, via Calabria e via della Casella. La sostituzione dei generatori di calore, sia le caldaie singole di potenza inferiore ai 35 kW che quelli centralizzati con potenza superire, con caldaia a condensazione e l'adeguamento dell’impianto termico, oltre che contribuire ad alleggerire la bolletta energetica, ha consentito ad oggi la riduzione di oltre 500 tonnellate di CO2.



Tag

Il premier Conte ad Atreju: «Mai frequentato il Pd e mai avuto la loro tessera»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità