Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE21°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Lavoro martedì 05 luglio 2022 ore 17:25

Carenza di lavoratori, nullaosta più rapidi per i cittadini stranieri

Vertice in prefettura per fare fronte all’urgente richiesta di lavoratori in alcuni settori produttivi come in agricoltura, trasporti e turismo



FIRENZE — Velocizzare il rilascio del nullaosta al lavoro subordinato per i cittadini stranieri per far fronte all’urgente richiesta di lavoratori in alcuni settori produttivi, questo è stato il tema al centro del Consiglio territoriale per l’Immigrazione, riunitosi in prefettura con i rappresentanti del Comune e della Città Metropolitana di Firenze, della Regione Toscana, dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, dell’Anci, dell’Ufficio Immigrazione della questura, dell’Ufficio scolastico provinciale, dell’Agenzia delle Entrate, della Camera di Commercio, nonché le associazioni rappresentative del terzo settore, le associazioni sindacali maggiormente rappresentative, le associazioni delle principali comunità straniere.

Le novità introdotte dal Decreto Legge 21 Giugno 2022 n. 73, che agli artt. 42-45 prevedono misure finalizzate a snellire l’iter procedurale volto al rilascio del nullaosta per i lavoratori subordinati stranieri, anche stagionali, prevedendo, tra l’altro, una riduzione dei termini di rilascio da 60 a 30 giorni, decorrenti dalla data dientrata in vigore del decreto medesimo. La ratio di questo intervento è quella di far fronte in maniera tempestiva all’urgente richiesta di lavoratori in alcuni settori produttivi, dovuta alla

Il problema della ricerca di personale da impiegare, soprattutto in agricoltura, nel settore del trasporto e nel turismo è molto sentito a Firenze ed in Toscana - ha detto il prefetto Valenti - ed ho quindi costituito un task-force presso l’area Immigrazione della Prefettura per consentire alle imprese che hanno fatto richiesta di poter usufruire dei lavoratori nel tempo più breve possibile e comunque entro il 21 Luglio. Ho chiesto però al questore, il cui parere non è immediatamente necessario ai fini del rilascio del nulla osta al lavoro, di esperire in tempo utile i controlli del caso perché vogliamo che i lavoratori assunti siano in possesso di tutti i requisiti richiesti”.

In base al decreto flussi adottato con DPCM 21 dicembre 2021 le quote spettanti alla città di Firenze sono così ripartite: su 325 domande pervenute sono state assegnate 133 quote di cui 61 per lavoro stagionale, 5 per lavoro stagionale pluriennale, 67 riservate alle Organizzazioni Professionali dei datori di lavoro CIA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, COPAGRI, ALLEANZA COOP.VE. Sono state poi destinate 205 quote, rispetto alle 1492 domande inoltrate, per lavoro subordinato nei settori autotrasporto merci per conto terzi, edilizia e turistico-alberghiero (Mod. B2020). Infine previste anche 8 quote, rispetto alle 19 domande inviate, riguardanti conversioni da lavoro stagionale a lavoro subordinato (Mod. VB), 88 quote su 149 domande relativamente a conversioni da “studio, tirocinio, formazione” a lavoro subordinato (Mod. VA), nonché 43 quote su 78 per conversioni da studio, tirocinio, formazione a lavoro autonomo (Mod. Z).

Tra i principali elementi di novità, oltre al dimezzamento dei termini del rilascio del nullaosta, anche la possibilità di prescindere dal parere della questura, qualora lo stesso non intervenga entro il 22 Luglio prossimo, fatta salva però la revocabilità del nullaosta in caso di sopravvenuto accertamento dei motivi ostativi di cui agli artt. 22 e 24 del d. lgs. 25 luglio 1998, n. 286. Non sarà, inoltre, più previsto il parere preventivo dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro. In questa maniera dalla data del rilascio lo straniero che ha ottenuto l’autorizzazione potrà iniziare a svolgere regolarmente l’attività lavorativa sul territorio nazionale. Nell’eventualità in cui al momento della convocazione del datore di lavoro e del lavoratore straniero per la sottoscrizione del contratto di soggiorno dovessero emergere elementi ostativi, all’esito delle verifiche volte ad accertare la sussistenza delle condizioni previste dal DL n. 73/2022, è prevista la revoca immediata del nullaosta, con conseguente risoluzione del contratto di lavoro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sua produzione artistica e gli eventi che ha saputo organizzare sono stati a lungo punto di riferimento nella città che ora lo piange
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca