Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:22 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Cultura mercoledì 03 novembre 2021 ore 17:30

L'amata sfregiata da Bernini contro la violenza

Il busto di Costanza Piccolomini Bonarelli
Il busto di Costanza Piccolomini Bonarelli

Pazzo di gelosia, lo scultore ordinò di deturpare il volto dell'amata. Ora il suo busto è al centro della mostra contro i crimini sulle donne



FIRENZE — Era geloso e in un impeto d'ira ordinò a un servo che la sfregiasse in volto. Lui era Gian Lorenzo Bernini, lei Costanza Piccolomini Bonarelli. E adesso, fino al 19 Dicembre, il busto di Costanza arriva alla Galleria degli Uffizi in prestito dal Museo nazionale del Bargello per una mostra che vuol affermare il no alla violenza sulle donne.

Il capolavoro, restaurato con un finanziamento delle Gallerie degli Uffizi, ritrova oggi rinnovata attualità. Nella mostra, poi, l'arte del Bernini dialoga con le fotografie di Ilaria Sagaria che narrano per immagini il dolore e la solitudine delle persone colpite da sostanze corrosive in un allestimento curato da Chiara Toti. Il titolo è Sfregio. Il dolore non è un privilegio. 

L'esposizione è organizzata simbolicamente nel mese in cui ricorre la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, il giorno 25, e mette in risonanza passato e contemporaneo. Per omaggiare Costanza Piccolomini Bonarelli, Bernini aveva scolpito in marmo il busto dell'amata intorno al 1638. Poi però scoprì la relazione di lei col fratello Luigi Bernini. Così ordinò di sfregiarla e il volto di Costanza ne rimase deturpato. Bernini fu graziato e non subì conseguenze. Costanza venne reclusa in un monastero 4 mesi.

Conferenza stampa della mostra "Lo Sfregio. Ilaria Sagaria / Gian Lorenzo Bernini"

In occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, il 25 novembre, le Gallerie degli Uffizi ospitano dal Museo del Bargello il busto di Costanza Piccolomini Bonarelli, capolavoro di Gian Lorenzo Bernini. Lo straordinario marmo è posto in dialogo con le fotografie di Ilaria Sagaria Il dolore non è un privilegio, per ricordare come la violenza sulle donne sia un dramma senza tempo.

Pubblicato da Gallerie degli Uffizi su Martedì 2 novembre 2021

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da una trasformazione edilizia parte la riqualificazione di uno degli angoli più frequentati dai giovani fiorentini e tifosi viola degli anni '80
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità