comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 22°23° 
Domani 20°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Cultura venerdì 03 maggio 2019 ore 12:02

Chiavi della Città allo scrittore Claudio Magris

Lo scrittore e saggista Claudio Magris ha ricevuto le Chiavi della Città di Firenze dal vicesindaco del capoluogo



FIRENZE — Claudio Magris ha ricevuto le Chiavi della Città di Firenze "Per il valore e la bellezza delle parole da lui scritte e pronunciate, in modo semplice e raffinato, in una lunga storia di vita a lui che, con le proprie riflessioni, ha attraversato e attraversa il XX secolo e la Mitteleuropa, in una prospettiva che stimola a superare i confini” così si legge sulle motivazioni che hanno accompagnato la consegna del riconoscimento.

Magris, autore di opere di narrativa, ha studiato la cultura della Mitteleuropa e la crisi della letteratura contemporanea. Laureatosi a Torino nel 1962, è stato professore di lingua e letteratura tedesca nelle università di Trieste e Torino, trascorrendo un periodo presso l'università di Friburgo. Eletto senatore come indipendente, ha aderito al gruppo misto (1994-96). Nel 2004 ha ricevuto il prestigioso premio Príncipe de Asturias per le lettere e nel 2016 il premio Kafka. E' membro dell'Accademia dei Lincei dal 2006.

Tra i suoi saggi: Il mito absburgico nella letteratura austriaca moderna, 1963; Lontano da dove. Joseph Roth e la tradizione ebraico-orientale, 1971; L'anello di Clarisse. Grande stile e nichilismo nella letteratura moderna, 1984. Ed ancora: Dietro le parole (1978), L'altra ragione: tre saggi su Hoffmann(1978) e Utopia e disincanto. Storie, speranze, illusioni del moderno (1999) e le sue traduzioni da Schnitzler, Ibsen, Franz Blei, Buchner, Grillparzer.

Tra le opere di narrativa: Illazioni su una sciabola (1984); Danubio(1986); Un altro mare (1991), mosaico di microstorie in cui si avvertono potenti gli influssi di Svevo; Il Conde (1993); il già citato Microcosmi, con cui ha vinto il premio Strega. È ritornato al romanzo con Alla cieca (2005) e in seguito con Lei dunque capirà (2006). 

Nel 2009, nella ricorrenza del settantesimo compleanno dello scrittore, gli è stato dedicato il volume Argonauta, in cui sono raccolti i contributi di intellettuali quali J. Marías, N. Gordimer e C. Staiano, mentre nel 2011 sono stati editi il libro-intervista Claudio Magris. Se non siamo innocenti (a cura di M. Alloli), che indaga nell'universo interiore dello scrittore, e la raccolta di scritti Livelli di guardia. Note civili 2006-2011, sorta di "manuale di resistenza" per fondare un nuovo patriottismo in grado di opporsi al dilagante disagio sociale. Tra le opere successive occorre segnalare, nel 2012, Letteratura e ideologia, saggio sul ruolo della letteratura nel mondo contemporaneo scritto con Gao Xingjian, e il primo dei due volumi delle Opere della collana Meridiani, che raccoglie i suoi scritti fino al 1995; nel 2014 sono stati editi il saggio Segreti e no e Ti devo tanto di ciò che sono. Carteggio con Biagio Marin, a cura di R. Sanson; pubblicato nel 2015, il romanzo sulla guerra e sulla memoria Non luogo a procedere (premio Fiuggi 2016); Istantanee (2016), ritagli di vita privata e politica dal 1999 al 2015.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità