comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 18°21° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 28 maggio 2020
corriere tv
Coronavirus, Crisanti: «L'app Immuni ci farà buttare una montagna di soldi»

Lavoro mercoledì 27 luglio 2016 ore 14:01

Tre mercati turistici, Confesercenti dice no

L'associazione interviene sul nuovo regolamento del commercio su area pubblica bocciando il progetto di concentrare in tre aree i mercati turistici



FIRENZE — Confesercenti Firenze, pur apprezzando il percorso di concertazione avviato dall'amministrazione di Palazzo Vecchio sul nuovo regolamento, non ne condivide alcuni passaggi che riguardano i mercati ambulanti.

"Non riteniamo percorribile l’ipotesi di concentrare in sole tre aree i mercati turistici - scrive l'associazione in una nota - In primo luogo è un'ipotesi impossibile da attuare considerato il numero delle attività che già esercitano su quelle zone, in secondo luogo verranno lasciate intere aree della città in mano agli abusivi come del resto abbiamo constatato con lo spostamento di alcuni operatori del mercato del San Lorenzo".

"Preso atto dell’intenzione dell’amministrazione di effettuare un cambiamento radicale nei mercati - prosegue Confesercenti Firenze - questo lo possiamo fare senza escludere dalle aree nessun percorso turistico, da Ponte Vecchio, ai Lungarni, a Santa Croce e salvaguardare alcune caratterizzazioni storiche fiorentine come i cassettai. Siamo disponibili a continuare a discutere di come migliorare l’offerta e l’immagine dei mercati del centro storico di Firenze, ma senza penalizzare i titolari di concessione che in questi anni hanno lavorato nel proprio posteggio.

Per quello che concerne la riprogettazione delle strutture di vendita, secondo Confesercenti occorrerà "valutare situazione per situazione considerando sia le localizzazioni dei posteggi sia la tipologia delle merce messa in vendita". 

"E' evidente che la struttura di un operatore che commercializza articoli in pelle come giubbotti o borse dovrà essere concepita in maniera diversa dalla struttura di vendita di un operatore che commercializza souvenir o prodotti artigianali come le ceramiche artistiche - sottolinea l'associazione - Pertanto sarebbe a nostro avviso più opportuno più semplice e di immediato impatto individuare una copertura omogenea nel colore e nel materiale per tutti gli operatori del centro storico".

"Al fine di creare un’offerta merceologica che comprenda anche prodotti dell’artigianato locale - conclude Confesercenti - sarà necessario avere una struttura di vendita che possa essere più dei 4 mq proposti e stabilire una misura percentuale di messa in vendita di questi prodotti perché è chiaro che l’offerta ha il suo peso ma nel commercio è anche la domanda che fa il mercato. Infine, ribadiamo un concetto già espresso più volte: non ci deve essere nessuna riduzione delle concessioni e le postazioni turistiche devono rimanere turistiche".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca