QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 16 dicembre 2019

Attualità venerdì 26 giugno 2015 ore 17:48

Torna Corri la Vita e Firenze abbandona il viola

La tredicesima edizione della gara podistica di beneficenza in programma domenica 27 settembre vedrà gli atleti indossare una maglietta fucsia



FIRENZE — La tradizionale gara di corsa che si svolge ogni anno a Firenze è organizzata dall'associazione "Corri la Vita Onlus", che in questi anni ha raccolto circa 3 milioni di euro destinandoli al recupero fisico e psicologico delle donne colpite da tumore al seno. 

Per questa tredicesima edizione due le novità: la prima e la più evidente è quella del colore delle 35 mila magliette messe a disposizione da Ferragamo e che verranno distribuite ai partecipanti. Addio al viola, benvenuto fucsia. La seconda riguarda i testimonial d'eccezione di quest'anno, ovvero i ragazzi protagonisti della fiction Braccialetti Rossi diretta da Giacomo Campiotti e che racconta le storie di coraggio di alcuni giovani nella corsia di un'ospedale pediatrico.

Come di consueto invece la gara si svolgerà su un doppio percorso, uno di 12,8 km e uno di 4,6, entrambi con partenza da piazza del Duomo e arrivo sotto Palazzo Vecchio.

Quattro i programmi messi in campo dall'associazione: Dama-25, studiato per migliorare le abitudini alimentari e l'attività fisica delle donne giovani ;Tecnica 3D a Respiro trattenuto per ridurre il rischio che un tumore al seno sinistro possa danneggiare il cuore; app Lilt Firenze per la prevenzione dei tumori, screening e assistenza e Breast Lesion Excision System (BLES)realizzata dall'Azienda Ospedaliera Careggi.

Come sempre, poi i partecipanti alla corsa nel pomeriggio potranno entrare gratis mostrando la maglietta o il certificato d'iscrizione al Museo Salvatore Ferragamo all'Orto Botanico  all Museo di Antropologia a Palazzo Non Finito di via del Procosolo allo Stibbert, al Museo Galileo e al Museo Gucci.



Tag

Cosa vedeva Santori dal palco e le proposte delle sardine

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca