Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Attualità martedì 29 settembre 2015 ore 18:25

Fronte No Tunnel Tav, eutanasia di un progetto

Associazioni, comitati, partiti politici contrari alle opere dell'alta velocità ferroviaria si sono uniti nel Fronte No Tunnel Tav



FIRENZE — Hanno aderito al nuovo organismp il Comitato No Tunnel Tav, Alternativa Libera, Firenze riparte a sinistra, Italia Nostra, Legambiente, Movimento 5 Stelle, PerUnAltraCittà e la Rete dei Comitati in Difesa del Territorio. Tutte queste realtà stanno adesso valutando se costituirsi parte civile nel procedimento penale che riguarda i lavori per la stazione sotterranea in costruzione in via Circondaria e il relativo tunnel di collegamento con la stazione Campo di Marte. Nel primo caso, il cantiere sta procedendo seppure con enormi ritardi rispetto al programma iniziale. Nel secondo caso, lo scavo, praticamente mai iniziato, è bloccato da anni in attesa di risolvere la questione dello smaltimento delle terre.

"Il progetto dei due tunnel del sottoattraversamento alta velocità di Firenze è ormai un fantasma - spiegano in una nota i promotori del Fronte No Tunnel Tav -  Per questo si è formato un fronte di associazioni, gruppi politici e comitati che vogliono accompagnare questo progetto al definitivo accantonamento visto che, travolto da una serie di inchieste che ne hanno dimostrato tutta la carica criminogena, langue nei cantieri semideserti".

"Le criticità del progetto non sono state per niente risolte - si legge ancora nella nota - Le terre di scavo non si sa ancora ufficialmente come dovranno essere smaltite e a quali costi; nelle relazioni degli avvocati degli inquisiti nelle udienze preliminari del processo in corso, si riconosce che sarebbero addirittura decuplicati. I rischi per gli edifici e i monumenti sul percorso dei tunnel sono sistematicamente sottostimati anche di dieci volte quanto previsto dalla letteratura scientifica esistente. Non si è tenuto conto che, scavando con una sola fresa, i danni, al secondo passaggio, saranno superiori del 50 per cento che con due frese parallele; autorizzare questo è stato un grave errore anche dell'Osservatorio Ambientale".

Negli anni scorsi i tecnici del Comitato hanno già presentato un esposto all'Anac, alla Procura di Firenze, all'Ufficio Urbanistica del Comune di Firenze, alla Sovrintendenza per i Beni Paesaggistici per la Toscana e quella per la Provincia di Firenze mentre i gruppi politici, in particolare del Comune di Firenze, hanno presentato varie interrogazione  chiedendo anche perché "il Comune non sia intervenuto in precedenza sulla mancanza di autorizzazione paesaggistica".

"Firenze Riparte a Sinistra, Movimento 5 stelle, Si-Toscana a Sinistra chiederanno alle rispettive giunte in Comune e in Regione che gli enti si costituiscano parte civile nel processo relativo alla costruzione del passante - concludono i rappresentanti del Fronte - Sempre gli stessi gruppi si faranno promotori di audizioni da parte delle commissioni consiliari interessate sui problemi del Passante e sull'opportunità di lavorare ad uno scenario alternativo di trasporto pubblico su ferro in tutta l'area metropolitana".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La lite è avvenuta all'interno di un condominio. L'uomo rimasto ferito è stato trasportato d'urgenza a Careggi. Arrestato l'aggressore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità