Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:07 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Amadeus: «Se vince Irama festeggeremo a distanza, sarà il primo vincitore in "dad"»

Attualità mercoledì 06 luglio 2016 ore 16:29

​Palmiro Meacci, una stagione con il Maestro

La collezione privata del segretario di Annigoni allestita a Villa Bardini da domani per un anno assieme al ritratto della baronessa von Kories



FIRENZE — Il Museo Pietro Annigoni di Villa Bardini si rinnova ospitando, da domani e per un anno, un gruppo di 40 opere di Annigoni appartenute a Palmiro Meacci (1928-2014) nella mostra Palmiro Meacci: una stagione con il Maestro. La collezione privata del segretario di Annigoni promossa dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze in collaborazione con la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron.

Meacci fu il segretario personale del pittore per quasi vent'anni, dal 1969 alla morte del maestro nel 1988. Il rapporto di contiguità con l’artista aveva favorito il costituirsi di un fondo di opere presso il suo segretario, in parte acquistate e in parte frutto di donazioni dello stesso Annigoni che, in questa maniera, voleva manifestare la propria riconoscenza per l’operato del suo principale collaboratore.

La raccolta è costituita da una cinquantina tra dipinti, disegni, incisioni e sanguigne, oltre ad una scultura e ad un piccolo affresco su embrice.

La presenza a Villa Bardini della collezione, resa possibile grazie alla disponibilità degli eredi Meacci, permette un utile confronto anche con le altre opere già in dotazione al museo consentendo di approfondire la conoscenza di Annigoni nella sua attività di paesaggista, disegnatore e di geniale artefice di composizioni sacre e profane.

Presente anche il grande ritratto della nobildonna Stefania von Kories. La tela fu eseguita a Firenze da Annigoni tra il 1958 ed il 1959 e, dopo aver accompagnato in giro per il mondo la baronessa, ha trovato ora, grazie alla donazione da lei stessa voluta, la definitiva collocazione nel museo Annigoni di Villa Bardini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca