Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:51 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità giovedì 29 settembre 2022 ore 14:23

Masaccio unisce ​Firenze e San Giovanni Valdarno

Collaborazione tra la Cappella Brancacci e la mostra in corso al Museo delle Terre Nuove e al Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie



FIRENZE — Collaborazione tra i comuni di Firenze e di San Giovanni Valdarno che nasce nel segno di Masaccio.

Chi visita la Cappella Brancacci di Firenze ha diritto all’ingresso ridotto alla mostra “Masaccio e Angelico. Dialogo sulla verità nella pittura”, in corso al Museo delle Terre Nuove e al Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Valdarno.  

La Cappella Brancacci ospita il famoso ciclo pittorico di affreschi quattrocenteschi opera di Masaccio, Masolino e Filippino Lippi e la mostra in corso a San Giovanni Valdarno rende omaggio proprio al grande pittore nella città che gli diede i natali, l’allora Castel san Giovanni, in dialogo con un altro protagonista del Rinascimento, Beato Angelico.

La mostra “Masaccio e Angelico. Dialogo sulla verità nella pittura”, che resterà aperta fino al 15 Gennaio è promossa e organizzata dal Comune di San Giovanni Valdarno e inserita nel progetto “Terre degli Uffizi” ideato e realizzato da Gallerie degli Uffizi e Fondazione CR Firenze, all’interno delle rispettive iniziative Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei. L’esposizione è a cura di Michela Martini, Daniela Parenti, Carl Brandon Strehlke e Valentina Zucchi con la partnership dell'associazione MUS.E.

Le visite speciali al cantiere della Cappella Brancacci, hanno preso il via a Febbraio: grazie alla presenza dei ponteggi installati per l’attività di diagnostica e restauro, è possibile per i visitatori, in maniera assolutamente inedita, ammirare da vicino i preziosi affreschi di Masaccio, Masolino e Lippi. I lavori fanno parte di un articolato programma di ricerca e di valorizzazione messo a punto da Comune, Soprintendenza, Cnr-Ispc di Firenze, Opificio di Pietra Dure e la Fondazione statunitense Friends of Florence, in compartecipazione con Jay Pritzker Foundation.

La Cappella Brancacci è aperta al pubblico quattro giorni la settimana: venerdì, sabato, lunedì: orario 10-17; domenica orario 13-17. Per ragioni di sicurezza gli accessi sono con prenotazione obbligatoria e non oltre 10 persone ogni 30 minuti.

Al Museo delle Terre Nuove è esposta una selezione di opere centrate sulla figura di Masaccio, legati all’iconografia della Madonna col Bambino. Sono due capolavori provenienti dalle Gallerie degli Uffizi: la cosiddetta Madonna Casini, una piccola tavola dipinta da Masaccio per l’ecclesiastico senese Antonio Casini che raffigura Maria con il piccolo in fasce al quale teneramente fa il solletico, e la Madonna dell’Umiltà di Masolino, che mostra Maria intenta ad allattare il piccolo Gesù, in base all’iconografia della Madonna del latte. A confronto troviamo l’opera del fratello di Masaccio, Giovanni di ser Giovanni, detto Lo Scheggia, oltre alla Madonna con Bambino della Bottega di Lorenzo Ghiberti. A queste opere si accompagna un approfondimento sulle figure di Mariotto di Cristofano, cognato di Masaccio, e di Andrea di Giusto Manzini, suo collaboratore e al contempo sensibile al gusto dell’Angelico.

All’Angelico è dedicata la sezione espositiva presso il Museo della Basilica, dove trovano posto meravigliose opere dell’artista, di proprietà pubblica e privata, con un’attenzione speciale al tema dell’Annunciazione. Qui troviamo l’Annunciazione del Beato Angelico, capolavoro del museo, messa a confronto con il Tabernacolo di San Marco, un reliquiario proveniente da Santa Maria Novella e commissionato al pittore dal domenicano e sacrista Giovanni Masi, in prestito dal Museo di San Marco di Firenze. Del frate pittore è anche il disegno preparatore proveniente dal Gabinetto Disegni e Stampe delle Gallerie degli Uffizi che mostra San Girolamo penitente, vestito da eremita, mentre batte il petto nudo con una pietra e rivolge lo sguardo commosso probabilmente verso il Crocifisso, non raffigurato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La situazione più grave nel sottopassaggio ferroviario tra viale Guidoni e viale XI Agosto con la circolazione strozzata da un allagamento
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità