Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Lavoro giovedì 27 maggio 2021 ore 19:51

"Lavoratori Bekaert come i Ciompi di Firenze"

Il paragone lo ha fatto il segretario della Fiom, Daniele Calosi, durante un incontro in piazza dei Ciompi sulla vertenza che vede coinvolta l'azienda



FIRENZE — I lavoratori licenziati da Bekaert sono scesi nuovamente in piazza nel centro storico di Firenze, in piazza dei Ciompi.

"I Ciompi erano lavoratori della Firenze medievale che si sollevarono per migliorare le loro condizioni lottando per la dignità" ha scritto sui social il segretario della Fiom Firenze, Daniele Calosi.

"Siamo ancora in piazza con i lavoratori licenziati della Bekaert, perché per noi della Fiom non è finita. Abbiamo deciso di farla in Piazza de’ Ciompi a Firenze, perché la centralità di questa vertenza riguarda tutta la nostra Regione e il Paese. I Ciompi erano lavoratori della Firenze medievale che si sollevarono per migliorare le loro condizione lottando per la dignità. Chi non lotta ha già perso!" ha scritto Calosi sui social.

Nella seconda metà del 1300 l'Europa era in crisi per l'ondata della peste nera, a Firenze i salariati del settore della lana, detti Ciompi, diedero vita ad una protesta per motivi sociali ed economici destinata a fallire. Restano nella storia un esempio di rivolta popolare legata alle lotte proletarie.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un fiore all'occhiello dell'urbanistica fiorentina di inizio Novecento, il giardino è dedicato alla memoria del giudice Antonino Caponnetto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Lavoro