Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:19 METEO:FIRENZE21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità domenica 25 luglio 2021 ore 17:26

Dannati della Fipili in fila per chilometri

coda in fipili

Dai rallentamenti di stamani al chilometro dell'ora di pranzo ai 2 del pomeriggio. Non c'è tregua per gli automobilisti in superstrada



LASTRA A SIGNA — Non c'è tregua per gli automobilisti che si trovano a percorrere la superstrada. Anche oggi i dannati della Fipili si sono trovati ostaggio di code per chilometri. L'imbuto? Sempre lo stesso: il cantiere al chilometro 10, tra Ginestra Fiorentina e Lastra a Signa, nel quale si lavora al ripristino della frana verificatasi l'inverno scorso.

L'inizio della domenica, con le uscite fuori porta e in direzione mare ma col traffico alleggerito dalle auto dei pendolari, era avvenuto all'insegna dei rallentamenti. Intorno all'ora di pranzo, però, le auto erano già condensate in un chilometro di coda in direzione Firenze. Nel pomeriggio l'ingorgo ha raddoppiato la propria consistenza arrivando a due chilometri di incolonnamento.

Una settimana fa, nel corso di un sopralluogo notturno, il sindaco metropolitano e di Firenze Dario Nardella aveva annunciato l'obiettivo di concludere i lavori entro l'inizio dell'anno scolastico. Frattanto un gruppo di cittadini ha depositato un esposto sulla situazione di perdurante disagio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco al lavoro fino a notte fonda per domare l'incendio. Una persona assistita dal personale sanitario del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS