Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Attualità martedì 31 maggio 2016 ore 13:35

Giustizia "Troppe vittime sulle strade di Firenze"

Graziano Cioni e Dario Nardella

Lo ha detto l'ex senatore Graziano Cioni. Trecento persone alla sua festa, presenti il governatore Rossi, il sindaco Nardella, compagni e avversari



FIRENZE — Il presente e il passato politico di Firenze, in parte anche della Toscana, hanno sfilato ieri sera davanti a Graziano Cioni, l'ex assessore, ex vicesindaco ed ex senatore del Pd ingiustamente accusato di corruzione nel 2008 e reduce da un'odissea giudiziaria culminata, dopo otto anni, con l'assoluzione definitiva in Cassazione per non aver commesso il fatto.

Amici, conoscenti e sostenitori hanno risposto volentieri all'invito di Cioni di un aperitivo alla Loggia del piazzale Michelangelo. Così come tanti compagni e avversari del lungo percorso politico dello sceriffo di Firenze. Ma sono arrivati anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il sindaco Dario Nardella (spesso bersaglio dell'acuminata ironia di Cioni su Facebook), il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, l'assessore regionale Vittorio Bugli, il padre del premier Tiziano Renzi.

Ai cronisti che lo incalzavano su un eventuale ritorno in politica Cioni non ha dato soddisfazione: "La politica io l'ho nel sangue - ha risposto - ma non la poliica attiva. Io sto alla finestra e da lì dico quello che penso, come ho sempre fatto". 

Alla luce della sua drammatica esperienza personale, Cioni ha criticato duramente il sistema giudiziario, invocando la responsabilità civile dei magistrati, condannando il giustizialismo di certi mezzi di informazione ("Anche voi giornalisti avete delle colpe") e citando i tanti colleghi indagati o arrestati fra gli schiamazzi di giornali e tv e poi assolti dopo anni di tormenti nelle aule dei tribunali. 

"Ricordo Gianni Conti, Marco Marcucci, Carlo Melani, Giancarlo Girolami e molti altri - ha detto Cioni - Ci sono troppe vittime della giustizia sulle strade di Firenze". Bè, lui può dirlo davvero.

Guarda l'intervista video integrale a Graziano Cioni

GRAZIANO CIONI - intervista
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'aggressione a colpi di cocci di bottiglia è stata denunciata alla polizia da parte di due uomini, uno delle quali ha riportato 30 giorni di prognosi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Cronaca