Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:06 METEO:FIRENZE19°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Attualità lunedì 07 novembre 2016 ore 15:33

Tyrebirth, riciclare pneumatici con le microonde

Basato sulla pirolisi, si tratta di un sistema di scomposizione termica delle gomme, finanziato da Caf e sviluppato dall'Università di Firenze



FIRENZE — Uno speciale forno a microonde appositamente progettato per smaltire copertoni e pneumatici che non si possono più utilizzare. 

Un sistema che produce energia, si autoalimenta, evita l'incenerimento e riduce l'impatto sull'ambiente delle gomme usurate dando vita a nuovi materiali: un gas, un liquido e una componente solida, interamente riutilizzabili.

È il cuore di un'invenzione tutta fiorentina nata per risolvere il problema degli pneumatici arrivati a“fine carriera”, definiti tecnicamente pneumatici “fuori uso”. Rifiuti speciali veri e propri che in base alle direttive europee non possono essere conferiti in discarica né integri né frantumati (eccetto le gomme delle biciclette). Di questi, una parte viene impiegata per produrre nuovi copertoni, in lavori di ingegneria o come combustibile, un'altra bruciata negli inceneritori. Per la restante rimane l'incognita su dove smaltirla.

Un'idea apparentemente semplice quella del “microonde per gomme”,  dal momento che è basata su uno dei sistemi più diffusi tra le famiglie italiane per riscaldare in pochi secondi cibi ed alimenti, ma destinata ad avere un effetto rivoluzionario. Tanto che il prossimo obiettivo dei suoi inventori è la creazione di un impianto che avvii il trattamento termico degli pneumatici - ma anche di altri materiali plastici - a livello industriale.

L'invenzione si chiama Tyrebirth e porta la firma del Dipartimento di Chimica dell'Università di Firenze e dei due chimici Piero Frediani, già professore ordinario di Chimica industriale all'Ateneo fiorentino, Silvio Occhialini, coordinatore del progetto, e dei loro collaboratori Luca Rosi, Marco Frediani, Andrea Undri e Stefano Meini.

A finanziare la ricerca è il Gruppo CAF guidato da Simone Gramigni, tra le aziende leader nel campo del sollevamento pesante, attiva nei settori delle bonifiche e dello smaltimento: è lei a detenere il brevetto di ricerca di Tyrebirth già depositato in Europa, Stati Uniti, Australia e Canada.

“Siamo di fronte ad una innovazione che potrà cambiare profondamente le abitudini del comune smaltimento degli pneumatici – dice Gramigni -. Fa piacere il fatto che sia nata in Toscana, da una collaborazione tra un'azienda del territorio e l'Università di Firenze. Adesso si apre la sfida vera: dopo la fase di sperimentazione e ricerca, Tyrebirth è pronto per misurarsi con il mercato, sia nazionale che internazionale, assumendo carattere e dimensioni di un processo industriale vero e proprio”.

SIMONE GRAMIGNI SU TRATTAMENTO TERMICO DEGLI PNEUMATICI USATI - dichiarazione
SILVIO OCCHIALINI SU TRATTAMENTO TERMICO DEGLI PNEUMATICI USATI - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio è avvenuto ai giardini della Fortezza da Basso. A finire denunciato un giovane di 23 anni che è stato sedato e trasportato in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità