comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 18° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, Baldanti: «Pochi tamponi fatti? Le accuse sono un'offesa»

Attualità venerdì 03 febbraio 2017 ore 11:19

Trapianto di rene a tempo di record con il robot

Eseguito nell'ospedale fiorentino di Careggi il primo intervento in Italia da donatore vivente interamente svolto con chirurgia robotica



FIRENZE — Per eseguire l'intervento è stato necessario utilizzare due sale operatorie 'gemelle'. Mentre una prima equipe di medici, infatti, completava la procedura di prelievo dal paziente donatore, un'altra stava preparando a pochi metri di distanza la sala operatoria per il paziente destinatario dell'organo espiantato. 

L'intera operazione è durata quattro ore grazie alla sovrapposizione delle tre fasi in cui è stata organizzata la procedura, vale a dire prelievo del rene, sua preparazione sul banco e trapianto. In questo modo è stata risparmiata un'ora di tempo, riducendo così al minimo i minuti in cui il rene non ha ricevuto ossigeno dalla circolazione sanguigna.

Il complesso intervento è stato eseguito oltre che da Sergio Serni, direttore dell'equipe di chirurgia Mini-invasiva e dei Trapianti renali, dai chirurghi Giampaolo Siena, Graziano Vignolini e Vincenzo Li Marzi dell’Azienda Careggi con l’assistenza di Alberto Breda e Lluis Gausa Gascon della Fundaciò Puigvert di Barcellona.

Proprio il robot, ha permesso di rendere meno invasiva l'operazione. Il robot chirurgico, manovrato dal chirurgo mediante una console, attraverso piccoli fori di 8 millimetri nell’addome del donatore, ha consentito infatti di isolare e tagliare con estrema precisione le vene e le arterie del rene per estrarlo da una piccola incisione di 6 centimetri sopra l’inguine. La successiva fase di preparazione del rene ha previsto una valutazione delle sue condizioni, quindi è stato avvolto in ghiaccio sterile, fine come la neve e poi rivestito con una garza sterile. Contemporaneamente la seconda equipe, con l’altro sistema robotico, ha preparato il paziente a ricevere l’organo e quindi ha completato l’ultima fase di trapianto.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità