Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Sondaggi venerdì 14 maggio 2021 ore 15:25

I tavoli in strada di bar e ristoranti fanno discutere

Nostro sondaggio per capire chi è favorevole per aiutare i ristoratori e chi invece è contrario perchè non trova parcheggio e teme di pagare più tasse



FIRENZE — "Chi va via perde il posto all'osteria", prendiamo a prestito il famoso detto per rappresentare l'acceso dibattito che da alcuni giorni infiamma i social e vede contrapposti gli automobilisti che cercano posto per parcheggiare l'auto e le attività di somministrazione che, dopo avere ottenuto la concessione gratuita del suolo pubblico, hanno allestito i tavolini all'aperto. 

Sui social compaiono foto di tavoli, con le siepi e le auto in doppia fila. Tempo pochi istanti e si scatenano i commenti. 

Tutto è andato bene fino a quando le nuove regole non hanno imposto la somministrazione all'aperto facendo schizzare le richieste anche fuori dal centro storico, creando punti ristoro in molte strade della prima periferia. 

Sono due le linee di pensiero: "sono spariti i posti auto" e "le attività di somministrazione hanno diritto di lavorare". 

Come gestire adesso la mancanza di suolo pubblico e la pacifica convivenza del vicinato? 

Esprimete la vostra opinione nel sondaggio qui sotto

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'autista avrebbe perso il controllo del mezzo pubblico che si è schiantato contro la pedana di un ristorante distruggendola completamente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità