Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE14°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Cronaca giovedì 25 ottobre 2018 ore 11:34

Studenti denunciati per striscione contro Salvini

La segnalazione arriva dal Cas, Collettivo Antagonista Studentesco di Firenze. La denuncia, avvenuta ieri, sarebbe per vilipendio



FIRENZE — Tre studenti sono stati fermati dalla polizia e denunciati per “Vilipendio alle massime cariche dello Stato”, striscione sequestrato e intimidazioni di vario tipo. Lo annunciano dal Cas, Collettivo Antagonista Studentesco di Firenze: "E' successo ieri in piazza Duomo ai margini della conferenza stampa convocata per annunciare la manifestazione “Studenti contro il razzismo” che abbiamo deciso di promuovere nella giornata di sciopero generale contro il razzismo di venerdì 26 ottobre".

"Siamo accusati - hanno spiegato i giovani - di aver definito Salvini “assassino”. Ma come altro chiamare chi rivendica con orgoglio le politiche che ogni giorni producono la morte di 8 migranti nel Mediterraneo? E' un reato dire la verità in questo paese? La verità è che Salvini ha le mani sporche del sangue di Idy Diene, di Soumaila Sacko, di Jefferson Tomalà, di Hady Zaitouni, di Jerry, di Wilson Kofi, di Omar Fadera, di Jennifer Otiotio, di Gideon Azeke, di Mahamadou Toure, di Festus Omagbon, di Seldi Coku, di Gildas Landry Mvomo Dang, di Daby e Sekou, di Bouyangui Konate, di Lamin, di Ahmed, di Cissè Elhadji Diebel. Il sangue di tutte le persone uccise, sparate, aggredite solo per il loro colore della pelle nel clima di odio razzista fomentato dalla Lega in questi anni".

Dal Cas hanno proseguito: "Di fronte a tutto questo abbiamo detto che chi non si schiera è complice. Noi ci siamo schierati, e continueremo a farlo scendendo in piazza venerdì. E' grave che questo che il Ministro dell'Interno utilizzi le forze dell'ordine come una polizia di partito, mandata a punire chi osa criticarlo. Ma noi non ci faremo intimidire. Non ci stupisce che Salvini abbiamo subito ricevuto parole di solidarietà dal sindaco Nardella. Non ci stupisce che il Partito “Democratico” sia indignato da uno striscione piuttosto che dal fatto che per aver esercitato il proprio diritto di espressione degli studenti vengano denunciati. E' il PD di Minniti e dei Lager in Libia quello che parla, e che farebbe bene a tacere".

Cliccando qui è possibile rivedere i giovani del Cas, ieri. Intanto, per venerdì 26 ottobre alle 9, in piazza San Marco (vi confluirà anche la manifestazione operaia del sindacato SI Cobas) è in programm lo sciopero generale nazionale contro il razzismo a cui partecipano anche gli studenti.

Questo il loro appello "Non ci stiamo a vedere alunni esclusi dalla scuola perché “ci deve essere un limite agli stranieri”; non ci stiamo a sapere che quasi 200 persone vengono sequestrate per giorni su una nave come fossero animali; non possiamo stare a guardare mentre il nostro compagno di classe rischia di diventare clandestino; non possiamo rimanere in silenzio davanti all'estrema violenza razzista della propaganda e delle leggi del ministro Salvini. Noi non ci stiamo. Davanti a tutto questo è nostra responsabilità schierarci contro Salvini e questo governo. Siamo i giovani e le giovani di questo paese che vedono incerto il loro futuro; siamo i ragazzi e le ragazze delle scuole, che ogni giorno si battono per non lasciar passare il razzismo nelle loro aule e nella loro città; siamo quelle e quelli che non credono alla favola dell'immigrato come origine di tutti i mali; siamo le ragazze che non permetteranno a nessuno di strumentalizzare il proprio corpo per giustificare il razzismo: la violenza sulle donne non ha razza né colore e noi ci difendiamo da sole. Abbiamo la pelle di colori diversi ma studiamo sugli stessi banchi, sotto gli stessi soffitti pericolanti: il nostro nemico è chi cerca di dividerci mentre ci ruba la possibilità di costruirci un futuro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai clienti venivano proposte prestazioni 'particolari' in cambio di pagamenti extra. I due centri sono stati sequestrati dalla Finanza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità