QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 16°27° 
Domani 13°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 giugno 2019

Elezioni mercoledì 01 maggio 2019 ore 10:56

"Lo stadio? Ora va adeguato il Franchi"

Intervento della candidata di Punto e a Capo Tea Albini sulla questione del nuovo stadio di Firenze. "Serve la copertura totale dell'impianto"



FIRENZE — La questione del nuovo stadio è una di quelle su cui si gioca la campagna elettorale ormai entrata nel vivo in vista delle prossime elezioni amministrative e della corsa alla poltrona di sindaco a Palazzo Vecchio. 

A sollevare la questione è Tea Albini, candidata di 'Punto e a Capo', la lista a sostegno della candidatura di Mustafa Watte. In una nota, Albini ricorda come già in passato si sia tentato di procedere con l'adeguamento del Franchi. “Il rammarico più grande allora - si legge - fu quello di non riuscire a dare una copertura a tutto l’impianto: fu solo prolungata quella esistente sul lato tribuna. Da allora, sono trascorsi 30 anni ma il tema è sempre attuale e può essere risolto con un nuovo adeguamento della Stadio esistente, compresa la totale copertura delle tribune. Ciò che non si potè fare allora per non deturpare il Franchi, vincolato come monumento nazionale, può essere realizzato oggi con nuove e più efficaci tecnologie”.

Secondo Albini la nuova amministrazione dovrà tenere presenti i problemi legati allo spostamento previsto della Mercafir per realizzare il nuovo stadio. “Dallo spostamento della Mercafir, al ritorno economico e finanziario del soggetto privato e quindi alla pressione di cemento su un territorio che deve essere lasciato in pace”. Dunque, secondo Tea Albini, la nuova amministrazione dovrà farsi carico di valutare la concreta fattibilità di questa ipotesi, prima di percorrere altre strade e aggiungere altre perdite di tempo ai ritardi che già ci sono stati. “ Punto e a Capo – Ha concluso l’ex assessore allo sport – la sosterrà anche per evitare il non trascurabile problema dell’abbandono all’incuria di una bella opera architettonica del nostro ‘900 e di Firenze in un’area cruciale della città.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro